La quarantena di Lo Russo

Dicono che… per festeggiare i suoi primi 40 anni Stefano Lo Russo abbia voluto emulare il suo capo, Piero Fassino, che oltre venticinque anni fa scelse una discoteca molto trendy (all’epoca) per salutare con gli amici (e compagni, allora ancora si usava) il genetliaco ma soprattutto l’inizio della brillante carriera romana. L’assessore all’Urbanistica ha invece optato per la terrazza, pardon il Roof Garden, del Basic Village dell’amico (di tutti) Marco Boglione. Venerdì prossimo, 23 ottobre a partire dalle ore 21, tutti a fare gli auguri all’ex rampollo di Gianfranco Morgando. “Più siamo, meglio stiamo”, assicura un amico che raccomanda però di seguire le volontà di Lo Russo: niente regali ma contributi all’associazione di volontariato di don Aldo Rabino. E si brinderà con acqua minerale, rigorosamente Sant'Anna.

print_icon