Privet tovarish Marchionne

Fiat e Sberbank hanno sottoscritto una lettera di intenti per la produzione e distribuzione di vetture e veicoli commerciali leggeri in Russia. Sima di 120mila prodotti

Fiat e Sberbank hanno siglato una lettera di intenti per la produzione e distribuzione di vetture e veicoli commerciali leggeri in Russia. Lo si apprende da una nota del Lingotto nella quale si aggiunge che la banca russa intende finanziare il progetto e inoltre acquisire una partecipazione del 20% della joint venture.

 

La gamma prodotto si dovrebbe basare su veicoli Jeep e in un secondo tempo potrebbe allargarsi per includere anche altri modelli e motori che saranno prodotti e assemblati in loco. Fiat stima una capacità produttiva di 120.000 veicoli, per un investimento massimo di 850 mln euro. Il progetto prevede uno stabilimento produttivo, la cui localizzazione è attualmente prevista nell'area di San Pietroburgo, e l'assemblaggio nello stabilimento Zil (Zavod Imeni Likhachova) a Mosca di veicoli, Suv e potenzialmente anche di veicoli commerciali leggeri tramite un accordo con il Governo di Mosca.

 

Anche Chrysler Group LLC, di cui Fiat detiene il 58,5% del capitale, potrebbe partecipare al progetto come investitore e concedere la licenza per la produzione di alcuni suoi modelli. Le parti coinvolte, conclude la nota, continueranno le discussioni in atto e procederanno per ottenere tutte le necessarie autorizzazioni a livello societario prima di finalizzare gli accordi definitivi previsti per la prima metà del 2012

print_icon