GRANDI OPERE

No Tav con l’acqua alla gola

Sotto una pioggia battente hanno sfilato solo per affermare di esserci ancora. Poche migliaia di persone, con innesti da tutto l'arcipelago del No: dal Salento a Venezia. Il vicesindaco grillino di Torino marcia con la fascia tricolore, ma dal corteo contestazioni verso Appendino

Tanta acqua è passata sotto i ponti da quel 2 marzo 1995, quando a Sant’Ambrogio di Torino si svolse la prima grande manifestazione No Tav. Almeno quanta ne è caduta oggi sul corteo che ventidue anni dopo ha sfilato sotto la pioggia battente da Bussoleno a San Didero, località quest’ultima in cui è prevista la costruzione di un autoporto. Ora che l’infrastruttura è in costruzione il fronte che si oppone alla ferrovia ad alta velocità ha esteso il suo raggio, diventando catalizzatore in formato export di tutti i movimenti del “No”. Dal Salento i “No Tap”, da Venezia i “No Grandi navi in laguna”; e poi le “mamme della Terra dei fuochi” dalla Campania, i comitati dei terremotati di Amatrice, i quattro gatti del No alla “Lyon-Turin” della Savoia.

Una “marcia popolare” che ha visto sfilare il vicesindaco di Torino, Guido Montanari, con tanto di fascia tricolore, assieme ad alcuni consiglieri grillini della Sala Rossa. “Noi non siamo contro il Tav a prescindere – ha spiegato – ma purtroppo i grandi investimenti che richiede impediranno di fare altre opere, come quelle di trasporto metropolitano, di cui abbiamo molto bisogno”. Una presenza quella del numero due della giunta di Chiara Appendino, “provvidenzialmente” impegnata altrove, che segna il tentativo del Movimento 5 stelle di riannodare i legami con quella parte del proprio elettorato sempre più critico verso la piega istituzionale assunta dall’amministrazione grillina. Uno sforzo non propriamente riuscito, come è stato segnalato dal cartello “Appendino amica della polizia” issato dai militanti anarchici. Tra i volti noti che hanno sfilato, Giorgio Airaudo, parlamentare di Sinistra Italiana.

I No Tav parlano di diecimila partecipanti, fonti della polizia presenti sul posto si fermano a poco più di duemila. Sono comunque numeri lontani dalle grandi manifestazioni del 2011 e del 2012, quando venne installato con l’aiuto delle forze di polizia il primo cantiere, quello di Chiomonte. L’avvio dei lavori in bassa valle, nei prossimi mesi, potrebbe alzare nuovamente le tensioni. Oggi, in occasione della marcia, il questore di Torino, Angelo Sanna, insediato da pochi giorni, era in Valle di Susa: una mossa di cui – a parte una visita estemporanea del Capo della polizia a Chiomonte alcuni anni fa – non si ricordano precedenti. “Voglio conoscere il territorio – aveva annunciato –. Credo nell’importanza del dialogo nella gestione dell’ordine pubblico”. In coda al corteo c’erano extraparlamentari di sinistra, centri sociali, sindacati di base. Sono tornati anche gli anarchici, ma quelli del Fai-Federazione anarchica italiana, che non appartengono alla scuola insurrezionalista.

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    00:59 Lunedì 08 Maggio 2017 patty i combattenti e reduci son roba seria

    Ricordano una guerra vera, non una buffonata contro un cantiere per la ferrovia.

  2. avatar-4
    09:02 Domenica 07 Maggio 2017 tandem Inno ufficiale

    "Eravamo 4 amici al bar".....

  3. avatar-4
    22:28 Sabato 06 Maggio 2017 silvioviale CIGNO

    L'ultimo canto del cigno. Il cigno ha mandato il vicesindaco. Una marcia di ex combattenti e reduci.

Inserisci un commento