ALTA TENSIONE

G7, “decapitati” Renzi e Poletti

Gli antagonisti inscenano l'esecuzione dell'ex premier e del ministro del Lavoro per protestare contro il summit internazionale, in programma il prossimo fine settimana a Torino. Spettacolo "offerto" ai turisti della Reggia di Venaria

Il G7 su Industria, Lavoro e Scienza, in programma alla Reggia di Venaria di Torino a fine mese, non è ancora iniziato ma c'è già stata la prima di una serie di proteste organizzata dai movimenti contrari al summit internazionale. Al grido di "Ghigliottina a chi affama il popolo", una ventina di autonomi, molti dei quali del centro sociale torinese Askatasuna, hanno inscenato, davanti al complesso museale della Reggia ed ai turisti presenti, un'esecuzione pubblica con la "decapitazione" di due fantocci con le maschere del ministro Giuliano Poletti e del segretario del Pd Matteo Renzi.

L'azione è stata organizzata e rivendicata dalla rete antagonista Torino Reset G7, sigla di tutte le varie componenti che hanno annunciato di volere contestare il vertice, in programma nella settimana dal 24 al 30 settembre, dei ministri di Germania, Francia, Stati Uniti, Italia, Canada, Giappone, Regno Unito sulle tematiche dell'industria, lavoro e ricerca. Questo G7 dedicato allo sviluppo è una prima assoluta in quanto affronta proprio i tre temi fondamentali della crescita per i sette paesi più ricchi al mondo. La protesta è avvenuta nell'ultimo giorno di apertura al pubblico della storica dimora sabauda che deve essere allestita per l'evento internazionale e dotata delle necessarie ed adeguate misure di sicurezza. Quindici manifestanti sono stati identificati dai Carabinieri.

print_icon

2 Commenti

  1. avatar-4
    14:52 Lunedì 18 Settembre 2017 Quartultimo Leggo che a Torino

    il 23 settembre faranno in Piazza Castello una gara di rutti. Che pena. Evidentemente è questo che ci meritiamo

  2. avatar-4
    02:00 Lunedì 18 Settembre 2017 silvioviale ASSENTI

    Macabra rappresentazione dalla galassia NoTav. Mancava il vicesindco.

Inserisci un commento