SOTTOVOTO

Renzi riparte da Torino

Anticipo di campagna elettorale con il segretario Pd al Lingotto per l'assemblea nazionale degli amministratori. In una città simbolo della sconfitta alle scorse comunali. Fassino correrà sotto la Mole?

Nella tana del lupo. Ha scelto Torino Matteo Renzi per lanciare la campagna elettorale in vista delle politiche del 2018. Non a caso la più importante città guidata dal Movimento 5 stelle dopo Roma, nei giorni più duri per la sindaca Chiara Appendino, la cui figura risulta sempre più ammaccata dalle difficoltà dell’amministrare. C’è un che di simbolico nella scelta del segretario democratico e non  solo per la volontà di tornare laddove tutto ebbe inizio, quando dieci anno orsono sul palco della sala gialla Walter Veltroni annunciò la propria candidatura alla segreteria.

Torino è la città in cui anche la stella più luminosa del firmamento grillino splende sempre meno. Le politiche come rivincita dopo la presa, nel 2016, del villaggio di Asterix. Torino, la città un tempo “rossa” in cui i collegi oggi sono altamente contendibili, con un obbligato 1X2 sulla schedina elettorale. Anche per questo venerdì 12 e sabato 13 gennaio l’assemblea nazionale degli amministratori democratici sarà nel capoluogo piemontese e sarà chiusa proprio da Renzi.

La kermesse si svolgerà all'indomani della presentazione delle liste, dove rimane l'incognita di una candidatura di Piero Fassino, che un pezzo dell'establishment locale e nazionale vorrebbe in corsa fuori dalla cinta daziaria.

L’ex premier torna al Lingotto quasi un anno dopo la tre giorni organizzata in campagna congressuale per il lancio della sua mozione: era marzo, veniva dalla batosta referendaria e puntava sulle primarie per riconquistare il Pd e tornare a Palazzo Chigi. L’obiettivo resta lo stesso, per quanto i sondaggi e la legge elettorale raccontino quanto l’impresa rischi di risultare velleitaria. È stato Matteo Ricci, responsabile Enti Locali del Pd, a informare i vertici regionale e provinciale e così la macchina si è subito messa in moto. “Ospitare l’assemblea nazionale degli amministratori è un modo per valorizzare una regione come il Piemonte e suoi tanti comuni di pianura e montagna – afferma Andrea Pacella, della segreteria regionale Pd -. Una rete da valorizzare come ha fatto questo governo”.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento