POLITICA & ISTITUZIONI

Fronte grilloleghista contro Chiamparino

I parlamentari delle due forze di governo disertano il tavolo sulle infrastrutture convocato dal presidente della Regione. Prove di un'alleanza in vista del 2019 che dovrebbe inquietare Forza Italia. Molinari: "Convocazione strumentale"

“Convocare tutti i parlamentari piemontesi, a pochi giorni dall’inizio del governo Lega-M5s, appare quantomeno prematuro se non addirittura strumentale”. Con queste motivazioni il capogruppo della Lega alla Camera e segretario piemontese, Riccardo Molinari, annuncia la diserzione di deputati e senatori del Carroccio al tavolo convocato per domani mattina dal governatore Sergio Chiamparino proprio per fare il punto sulle infrastrutture che interessano il Piemonte. Al centro dell’incontro c’è, infatti, non solo la necessità di fare chiarezza sul futuro di Tav e Terzo Valico (nonché della Pedemontana e della Asti-Cuneo), dopo che i principali esponenti della maggioranza gialloverde hanno rilasciato nelle settimane scorse dichiarazioni ambigue e contrastanti, ma anche quello di predisporre l’interlocuzione per quella “verifica costi-benefici” preannunciata dal ministro Danilo Toninelli.

Una presa di posizione che segue quella ampiamente prevista dei “colleghi” Cinquestelle. “Le Commissioni non sono ancora state istituite; le deleghe ai sottosegretari non ancora assegnate - osserva Molinari -. Non appena ragioni di opportunità lo suggeriranno, saremo i primi a promuovere un incontro di questo tipo, ma in ogni caso non ci facciamo dettare l’agenda dal presidente Chiamparino e pertanto domani non parteciperemo all’incontro. Piuttosto, riteniamo che Chiamparino abbia urgenze più impellenti di cui occuparsi, come per esempio la Sanità o i contributi Pac agli agricoltori”.

Una decisione che prefigura quello che, a dispetto dell’ostinata dabbenaggine di certuni, potrebbe presentarsi tra qualche mese, all’appuntamento elettorale del 2019. Forza Italia, che invece prenderà parte all’incontro, preferisce affidarsi agli scongiuri evitando di fare i conti con la realtà di una coalizione, quella di centrodestra, ormai morta e sepolta.

print_icon

2 Commenti

  1. avatar-4
    23:59 Domenica 17 Giugno 2018 moschettiere Esisterà un modo

    Proprio non si capisce come far comprendere che certe geometrie non sono più praticabili. Le dinamiche sono cambiate, e tante cose che sono state fin'ora, non saranno più.

  2. avatar-4
    23:30 Domenica 17 Giugno 2018 Wlalega2015 Da vomito

    La nuova lega si vende X quattro soldi. Ma è giusto, mischiate l’incapacità dei cinque stelle alla inconcludenza di questa lega pseudo becera. Si otterrà il succo nazional populista da poter offrire al popolo bue

Inserisci un commento