Monge

Tav: Delrio, "basta perdere tempo, si rischiano 5 miliardi"

"Sulla Tav non si perda altro tempo. Ci sono 2 miliardi e mezzo di bandi già pronti quest'anno e altri 2 miliardi e mezzo nel 2019. Quindi rischiano di perdere cinque miliardi di euro per una negazione dell'opera che non potrà mai essere fatta, perché i costi sarebbero superiori ai risparmi". Lo ha affermato l'ex ministro dei Trasporti Graziano Delrio, che ha guidato oggi a Torino con il presidente del Piemonte Sergio Chiamparino, l'incontro fra i parlamentari piemontesi del Partito democratico, una trentina di associazioni datoriali e sindacati. "Non c'è rassegnazione - ha aggiunto Delrio - siamo pronti a dare battaglia perché è un'opera strategica, non si parla di politica ma di sviluppo. E il corridoio Mediterraneo non e' solo occasione di sviluppo in quanto tale, ma di sviluppo sostenibile. La Tav è un'opera strategica, se l'Italia non è collegata con i grandi corridoi europei diventa marginale. Il nostro paese invece può diventare una grande piattaforma logistica e il nordovest può giocare un ruolo fondamentale". "Il territorio vuole decidere - ha concluso Delrio - i francesi non hanno alcun dubbio sul tunnel, non c'e' mai stato. Pensare che la Francia dica no al tunnel è pura fantasia".

print_icon