Milano-Cortina: Confindustria Piemonte, approccio Torino miope

"Come italiano esprimo plauso e orgoglio perché l'Italia ha saputo aggiudicarsi i Giochi olimpici invernali del 2026 proponendo un progetto credibile di territorio vasto, che coinvolge due regioni con aspetti e peculiarità diverse, valorizzandone le rispettive caratteristiche. Come piemontese provo invece grandissimo rammarico per l'assenza di Torino e del Piemonte da questa opportunità, a causa di un approccio miope e presuntuoso che ha portato alla presentazione di una candidatura isolata, con nessuna prospettiva di vittoria". Lo afferma in una nota il presidente di Confindustria Piemonte, Fabio Ravanelli. "Credo fortemente che un progetto di sistema Milano-Torino si sarebbe rivelato vincente - aggiunge - perché avrebbe consentito al nostro territorio di mettere a disposizione impianti ed esperienze maturati con le Olimpiadi del 2006, ancora oggi ricordate tra le migliori competizioni invernali della storia, che tra l'altro si conclusero con un avanzo importante di risorse derivanti dai risparmi realizzati. Le cifre fornite ieri sulle ricadute per Milano-Cortina lasciano bene immaginare quali opportunità occupazionali ed economiche avrebbe avuto un simile evento sportivo nella nostra regione".

print_icon