Carceri: detenuto tenta suicidio a Ivrea, salvato da agenti

Un detenuto italiano di 35 anni, in carcere a Ivrea per omicidio e per questo già condannato all'ergastolo, mentre si trovava nel reparto osservazione, ha tentato di impiccarsi con una maglia annodata alle grate della propria cella. E' stato salvato in extremis dall'immediato intervento degli agenti della polizia penitenziaria. A darne notizia è l'Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria (Osapp) per voce del segretario generale Leo Beneduci. "La polizia penitenziaria fa sempre il proprio dovere - dice Beneduci - anche quando risorse organiche e mezzi difettano come nel caso del carcere di Ivrea. Ad oggi quella struttura è priva di un direttore e di un comandante di reparto titolari. Purtroppo l'amministrazione penitenziaria è silente rispetto al caos esistente nelle carceri italiane". Per l'Osapp, "gli errori e la sostanziale incapacità gestionale, per nulla valutati dal Ministro della Giustizia sempre più assente, rende abbandonati a se stessi gli agenti".

print_icon