Perino candidato premier

Nei corridoi della politica la voce inizia a girare. Il prossimo candidato premier del Movimento5Stelle potrebbe essere il leader No Tav Alberto Perino. Se due indizi fanno una prova, cinque sono qualcosa in più.

 

Il primo: Beppe Grillo ha più volte pubblicamente blandito l’ex sindacalista Cisl, nominandolo, ad esempio, uomo dell’anno 2011 sul suo blog. Il secondo: Perino non ha mai nascosto la sua simpatia per il Movimento5Stelle e si è dato un gran daffare per le regionali 2010 per Davide Bono and company. Il terzo: nessun dei simpatizzanti o militanti grillini gode di così tanta visibilità a livello nazionale come Alberto Perino. Il quarto: l’Alberto No Tav ha alcuni processi in corso, ma non è mai stato condannato e quindi, secondo le regole grilline, è candidabile. Il quinto: per il partito di Grillo la Tav è “la battaglia di tutte le battaglie” e allora Perino rappresenta l’alfiere ideale da esprimere in Parlamento.

 

Nelle prossime settimane capiremo se la candidatura avrà gambe per camminare. Sarebbe per lo meno un’operazione di chiarezza: il Movimento No Tav (nella sua massima espressione pubblica) diventerebbe a tutti gli effetti organico ad un partito. E le altre forze potranno ricominciare a respirare di nuovo. Anche in Val Susa.

print_icon