Centrodestra occupa Palazzo Civico

Marrone (Pdl) guida l’opposizione ai provvedimenti su Imu e bilancio della giunta Fassino. Uno speaker corner in Sala Matrimoni. Si dissocia il capogruppo Tronzano (con Magliano)

CAPOGRUPPO isolato Andrea Tronzano

Parte la maratona sul bilancio e l’opposizione di centrodestra sale sulle barricate. “Avevamo annunciato battaglia… e così sarà”, proclama bellicoso il consigliere comunale del Pdl, Maurizio Marrone, dichiarando in una nota l’occupazione a oltranza della Sala Matrimoni di Palazzo Civico del Comune di Torino.

 

«Intendiamo trasformare la Sala Matrimoni in una base operativa multimediale per consentire ai consiglieri di Circoscrizione di monitorare insieme i lavori dell’Aula e diffondere sui social network i commenti alla stangata fiscale che la Giunta Fassino si appresta a scatenare sui torinesi - spiega Marrone - sono già pronti evento facebook, canale youtube e hashtag twitter #noalletassedifassino, sarà una specie di speaker corner virtuale, forse il primo del suo genere, per informare in tempo reale i cittadini di come questa amministrazione intenda imporre aliquote record su tutti i tributi, a partire da quello sulla casa, rigettando tutte le proposte di merito dell’opposizione».

 

«Sarà una Sala Bianca contro la Sala Rossa», aggiunge Marrone precisando che all’iniziativa «hanno già aderito i colleghi del Pdl Paola Ambrogio, Enzo Liardo e Paolo Greco Lucchina - che hanno firmato insieme a me i migliaia di emendamenti di ostruzionismo oltre ai capigruppo Pdl delle circoscrizione 4, 1, 5 e 2 e i consiglieri azzurri della 7, 6 e 5 e invitiamo anche gli esponenti delle altre forze di opposizione ad unirsi a noi, dalla Lega Nord al Movimento 5 Stelle: non si tratta, infatti, di una iniziativa di partito, ma di una battaglia per Torino», conclude. Nota non proprio marginale: all’iniziativa manca l’adesione di Andrea Tronzano, contestato capogruppo pidiellino e del suo alleato, il ciellino Silvio Magliano. E già si diffondono voci di un’imminente rottura in seno alla compagine azzurra della Sala Rossa.

print_icon