Tav: tutela farfalla, parte occupazione terreni Valle Susa

Sono cominciate stamani in Valle di Susa le attività di occupazione temporanea delle porzioni di terreno coinvolte nel progetto per la tutela della farfalla Zerynthia Polyxena, specie protetta presente nell'area interessata dall'espansione di cantiere del Tav. Lo comunica la società Telt. Gli interventi sono in corso - alla presenza dei proprietari dei terreni - nelle località di Chiomonte e di Giaglione. È prevista, da parte del Consorzio forestale Alta Valle Susa, la realizzazione di un corridoio ecologico - su progetto dell'Università di Torino - elaborato per la salvaguardia del lepidottero. Le occupazioni temporanee riguardano terreni di 41 proprietari per un totale di 1,8 ettari. La procedura era stata avviata nel dicembre del 2019. Oggi i decreti vengono eseguiti sul posto alla presenza degli interessati. Le aree saranno consegnate al Consorzio per il proseguimento delle attività - già iniziate nelle zone di pertinenza dei Comuni - per la creazione del corridoio ecologico.

print_icon