Fisco: 17 mln ricavi "nascosti", denunciato imprenditore

La Guardia di finanza di Torino ha denunciato un imprenditore di 30 anni accusato di dichiarazione fraudolenta mediante l'uso di fatture inesistenti, omessa dichiarazione, mendacio bancario e autoriciclaggio. Dalle indagini coordinate dalla Procura di Ivrea e' emerso che l'imprenditorie, amministratore di una società con sede alle porte di Torino e leader nel settore dei trasporti, ha emesso sistematicamente false fatture per delle operazioni in realtà mai avvenute oppure simulate nei confronti di note catene di supermercati, esibendole poi alle banche per potere accedere a finanziamenti altrimenti non ottenibili. In questo modo l'imprenditore è riuscito negli ultimi anni a percepire somme per circa 4 milioni di euro. Una maxi evasione da 1,5 milioni di euro, con i finanzieri che hanno ricostruito il volume d'affari della società, scoprendo che sono stati nascosti al fisco oltre 17 milioni di ricavi. L'amministratore utilizzava anche fatture false emesse dalla società del fratello, in modo da abbattere i guadagni e, di conseguenza, le tasse da versare all'erario. 

print_icon