'Ndrangheta: chiesto giudizio per ex assessore Piemonte

Il pm Paolo Toso ha chiesto il rinvio a giudizio per nove imputati, tra i quali l'ex assessore della Regione Piemonte, Roberto Rosso, nell'udienza preliminare per l'inchiesta chiamata Fenice, sulle infiltrazioni della 'ndrangheta in Piemonte. Rosso, detenuto dallo scorso dicembre nel carcere delle Vallette, è accusato di voto di scambio politico-mafioso. Secondo l'accusa, in occasione delle elezioni regionali del 2019, dove era candidato per Fdi, fece avere del denaro a due persone vicine alla 'ndrangheta in cambio di un pacchetto di voti. "Abbiamo scelto il rito ordinario - spiega l'avvocato di Rosso, Giorgio Piazzese - perché intendiamo dimostrare la totale estraneità di Rosso a qualsiasi contatto con la criminalità organizzata".

print_icon