Appendino, qualche ombra ma movida responsabile a Torino

Il primo fine settimana di riapertura si presenta anche a Torino con "luci e ombre, ma la stragrande maggioranza dei torinesi è stata responsabile". E' ottimista la sindaca Chiara Appendino a proposito della 'prova movida'' dopo il lockdown che richiede, comunque, "qualche aggiustamento". "Se si aprono gli spazi - ha detto Appendino intervenendo alla trasmissione 'Centocitta'' di Radio Rai - le persone, non solo i ragazzi, li riconquistano e li vogliono vivere. A Torino - ricorda - con il prefetto abbiamo fatto un lavoro preventivo con un'ordinanza sperimentale per il primo weekend, e ci sono state luci e ombre". La sindaca conferma che "siamo soddisfatti della gestione degli aperitivi", mentre "dopo le 23 abbiamo avuto più difficoltà, e oggi faremo un punto e cercheremo di aggiustare il modello. Il concetto principale - riafferma - è il senso di responsabilità. Noi possiamo mettere tutte le regole del mondo, e i Dpcm che sono cambiati di settimana in settimana hanno reso anche difficile la comprensione, ma la prima regola è il buon senso da parte di tutti e la stragrande maggioranza dei torinesi è stata responsabile anche questo fine settimana". "Non c'è solo il tema della 'movida', le persone sono potute tornare nei negozi, gli esercenti hanno fatto grandi investimenti e fatto rispettare le regole, si sono presi questa responsabilità. Tante cose hanno funzionato - conclude - alcune vanno ancora aggiustate ma questo è normale. Ci vorrà un po' di tempo per trovare i modelli corretti".

print_icon