Fase 2: Grimaldi (Luv), Cirio riveda divieto somministrazione 

"Il presidente del Piemonte Alberto Cirio chieda, insieme alla Conferenza delle Regioni, di rivedere la norma inclusa nel dpcm del 17 maggio, nell'allegato 'Spettacoli dal vivo e cinema', che vieta il consumo e la vendita di cibo e bevande e la vendita in occasione di eventi e spettacoli perché così si danneggiano in modo irreparabile i gestori dello spettacolo dal vivo. Lo chiede Marco Grimaldi, capogruppo di Luv nel Consiglio regionale del Piemonte. "Il dpcm impone già - dice Grimaldi - il distanziamento sociale, l'obbligo di mascherina e l'igienizzazione, non c’è bisogno di inserire un divieto che ucciderebbe quelle attività. Si può gestire la somministrazione per esempio limitando il consumo al posto, digitalizzando ordini e pagamenti, distanziano casse e banconi" Grimaldi si rivolge poi anche alla sindaca Appendino: "abbiamo una città piena di opportunità e spazi da utilizzare, lungo il fiume, nei parchi, nelle aree dismesse e farlo sarebbe un'occasione per portarci lontano dal ricordo di Piazza San Carlo ma anche dalla crisi Covid, chiaramente nel rispetto delle misure di sicurezza. Non possiamo limitarci a proporre alle persone le frecce tricolore, per poi sgridarle in modo paternalistico se escono per vederle, servono alternative in una città chiusa da troppo tempo". 

print_icon