2 giugno: Cirio, mai come oggi giorno attuale da celebrare uniti

"Mai come oggi il 2 giugno e' un giorno attuale da celebrare con unità. Perché solo insieme potremo ripartire davvero". Così il presidente del Piemonte Alberto Cirio, che sottolinea : "mai come in questo momento della nostra vita abbiamo avuto la possibilità di capire quanto siano preziosi e non scontati i valori fondanti della nostra Democrazia, come la libertà. Valori per cui altri Italiani prima di noi hanno donato la propria vita. Mai come oggi sappiamo di essere fortunati a vivere in un Paese che è una Repubblica".

In occasione della Festa della Repubblica, giunta e consiglio regionale del Piemonte, prefettura, comune di Torino, città metropolitana, ufficio scolastico regionale e i tre Atenei Piemontesi hanno scelto di organizzare e condividere una serie di iniziative sotto il cappello di un'unica frase "Io Ci Credo Perché", per ribadire come i valori della Repubblica e della Costituzione possano accomunare istituzioni e cittadini. In particolare, il consiglio e la giunta regionale hanno deciso che a celebrare la giornata del 2 giugno fossero le persone comuni attraverso le loro parole e le loro riflessioni. Per l'occasione sono stati, quindi, realizzati due video, che saranno pubblicati in contemporanea, su tutti i siti istituzionali e dei soggetti partner della giornata, alle 12 e alle 14 del 2 giugno.

E' stato prodotto il cortometraggio "IoCICredoPerché", 25 interviste in cui insegnanti, studenti, volontari, medici, rappresentanti delle forze dell'ordine, casalinghe, pensionati, vigili del fuoco e liberi professionisti raccontano perché credono nella Repubblica e nei valori che essa racchiude. "Vignettisti e bambini raccontano la Costituzione" è invece il titolo del secondo video in cui firme del fumetto e dell'illustrazione come Dino Aloi, Massimiliano Frezzato, Gianni Audisio, Gianni Chiostri, Lido Contemori e Milko Dalla Battista, affiancano i bambini dei consigli comunali dei ragazzi del Piemonte, nel commento agli articoli della Costituzione che più toccano da vicino la loro vita. Tutte le opere inedite realizzate per l'occasione dagli artisti, saranno donate al Consiglio regionale, per essere poi esposte e rese visibili al pubblico. "Io ci credo perché la nostra Carta costituzione non è solo insieme di regole giuridiche, ma anche l'insieme di regole di vita senza tempo e senza età - sottolinea Stefano Allasia, presidente del Consiglio regionale del Piemonte -. Sono trascorsi 74 anni dalla proclamazione della Repubblica e quel giorno per la prima volta i cittadini diventarono protagonisti del loro futuro".

print_icon