Tav: attivisti No Tav si incatenano a cancelli cantiere

Ripartono i lavori all'interno del cantiere Tav in Val Susa e ripartono anche le proteste. Nella tarda serata di ieri diverse camionette di polizia e carabinieri si sono portate in zona, mentre un centinaio di attivisti No Tav ha dato il via al presidio dei Mulini dopo una "passeggiata" nella valle Clarea nel pomeriggio. Durante la notte alcuni attivisti sono saliti sugli alberi e si sono incatenati ai cancelli del cantiere ma per il momento non si sono registrate tensioni. "Il presidio permanente dei Mulini resiste" si legge sulla pagina Facebook Notavinfo. Sullo stesso sito ieri sera era comparso anche un annuncio che invitava a "stare pronti per eventuali appuntamenti" nella giornata di oggi. 

print_icon