Fase 3: 23 chiese a "porte aperte" grazie a un'app

La porta della Chiesa si apre automaticamente con lo smartphone, il visitatore entra e viene guidato dalla narrazione storica-artistica-devozionale multimediale in italiano, inglese, francese. Da sabato 1° agosto, 23 Chiese e cappelle in Piemonte e Valle D'Aosta potranno essere visitate autonomamente e in condizioni di totale sicurezza 365 giorni l'anno con la app "Chiese a porte aperte": una modalità tecnologica innovativa, unica in Europa, sostenuta dalla Fondazione Crt e coordinata dalla Consulta regionale per i beni culturali ecclesiastici, per ampliare le opportunità di accesso alle testimonianze d'arte sacra sul territorio. "Nella pandemia e nelle sue conseguenze nell'economia - spiega monsignor Derio Olivero, vescovo di Pinerolo e delegato per i beni culturali del Piemonte e della Valle d'Aosta - la grande fatica è nel mantenere la fiducia. La bellezza è un aiuto per credere nella vita: per questo è importante che il progetto Chiese a porte aperte continui e cresca". "Fondazione Crt rilancia la scommessa e l'investimento nel mix tra arte, cultura, religiosità e tecnologia - afferma il presidente della Fondazione Crt Giovanni Quaglia -. Questa app è una preziosa alleata della cultura, uno strumento di valorizzazione del territorio, tanto più importante in questa Fase 3, che vede prevalere un turismo di prossimità e un prudente distanziamento".

print_icon