Reddito Cittadinanza: Chiorino, numeri dimostrano flop annunciato 

“Le politiche puramente assistenzialiste, non solo non sono utili, ma si rivelano addirittura un danno”. Lo afferma l’assessore al Lavoro del Piemonte, Elena Chiorino, che fornisce “i numeri del fallimento annunciato” legato al reddito di cittadinanza. “In un anno in Piemonte – dice Chiorino – sono stati stipulati solo 1936 contratti a tempo indeterminato sugli 8009 contratti complessivamente attivati, a fronte di una platea potenziale di quasi 62mila persone. È la prova del flop dell’assistenzialismo puro, al quale vanno invece contrapposte politiche attive, in grado di far incrociare davvero domanda e offerta, creando occupazione”. “Anche se gli esclusi e gli esonerati – aggiunge – sono risultati essere 15.621, il che restringe la platea, i Centri per l’impiego gestiti da Agenzia Piemonte Lavoro e recentemente rafforzati con un progetto di nuove assunzioni sono stati in grado di convocare per il primo appuntamento 49.637 persone, 26.720 delle quali hanno sottoscritto l’impegno nella ricerca del lavoro. Di questi 12.463 sono stati convocati per il secondo colloquio. Altri verranno convocati prossimamente anche grazie al rafforzamento dei Centri: 48 nuovi assunti hanno preso servizio a inizio mese, ma il progetto prevede in due anni l'assunzione totale di circa 400 persone per ridare forza a enti che devono recuperare centralità ed efficacia, diventando un vero punto di riferimento per chi cerca occupazione”.

print_icon