Vaccini a migranti e senza fissa dimora al via a Torino

Prendono il via oggi a Torino, grazie alla collaborazione tra Ordine dei Medici, associazioni di volontariato, Regione Piemonte e Asl Città di Torino, le vaccinazioni anti Covid di migranti e senza fissa dimora. Presso il centro vaccinale del Lingotto, saranno utilizzati i vaccini a mRNA in tutti i casi in cui si possa somministrare una seconda dose; e si valuteranno invece quali siano le persone a cui si debba somministrare il vaccino monodose. Le associazioni coinvolte nel progetto insieme all'Ordine sono Camminare Insieme, Rainbow for Africa, Comitato Collaborazione Medica-Amref, World Friends e Danish Refugee Council, le stesse già protagoniste, in accordo con la Regione e con l'Asl Città di Torino, della campagna vaccinale negli hub cittadini e della campagna di test antigenici rapidi a favore della popolazione più fragile. Da inizio aprile, più di 250 volontari tra cui oltre 100 medici gestiscono tre postazioni presso il centro vaccinale del Lingotto e collaborano su richiesta con il centro vaccinale Lavazza. Sinora sono state somministrate ai cittadini più di 25mila vaccinazioni a cura dei medici e dei volontari delle associazioni. Dallo scorso dicembre, invece, attraverso il Progetto Torino Street Care, è stato possibile effettuare tamponi rapidi gratuiti sulla popolazione più fragile di Torino e dell'area metropolitana, assicurando, oltre al test, visite, medicazioni, coperte, minestra e bevande calde. Sinora sono stati eseguiti complessivamente più di 2.500 test diagnostici rapidi.

print_icon