Lavoro: Confartigianato, serve riforma politiche attive

"Le buone notizie sul versante del Pil non devono alimentare facili illusioni né farci dimenticare che l'economia reale è ancora in grande difficoltà ma devono essere l'occasione per una riforma complessiva delle politiche attive del lavoro". Lo sottolinea Giorgio Felici, presidente di Confartigianato Imprese Piemonte. "Il nostro auspicio è che si chiuda con i provvedimenti 'bandiera', come il Reddito di cittadinanza. Un provvedimento ideologico, che ha prodotto ben pochi risultati concreti, deludendo le aspettative iniziali. Occorre anche definire un programma pensionistico che realizzi davvero la staffetta generazionale che al momento non si è vista. I numeri impietosi ci raccontano una realtà con un tasso di sostituzione dello 0,45, come dire neanche mezzo giovane al posto di un anziano, ma generando un costo di circa 6 miliardi. Il reddito di cittadinanza, fiore all'occhiello dei pentastellati e fortemente voluto dal ministro Di Maio, anziché abolire la povertà ha fatto accomodare i poveri sul divano, rivelandosi in troppi casi non una forma di protezione sociale ma un disincentivo al lavoro, senza peraltro riuscire ad intercettare i veri bisognosi. Disoccupazione e mancata crescita non possono essere affrontati con strumenti 'sperimentali' ma solo con politiche attive ben strutturate, investimenti e un taglio delle tasse, mettendo al centro le imprese. Siamo noi imprenditori che creiamo lavoro, non certo i navigator o simili, quindi è giunto il momento di deporre i vessilli ideologici e riconnettersi con la realtà".

print_icon