Paralimpiadi: atleti Piemonte tornati in Italia, 8 medaglie

"E' stata una Paralimpiade eccezionale quella di Tokyo, per tutta la squadra italiana e anche per la delegazione piemontese, che ha incrementato il numero di medaglie conquistate, dopo i 4 bronzi di Rio 2016. La nostra rappresentativa regionale, in gara in ben 10 discipline diverse, era composta soprattutto da atleti esordienti ai Giochi e tutti, al di là dei risultati, hanno dato il massimo vivendo una straordinaria esperienza di sport e di vita, nonostante le difficoltà di questo periodo storico". Silvia Bruno, presidente Cip Piemonte, commenta così i risultati ottenuti dagli atleti paralimpici piemontesi appena rientrati da Tokyo. Gli undici convocati piemontesi, sette donne e quattro uomini, hanno contribuito con ben 8 medaglie e importanti prestazioni al successo dell'avventura italiana in Giappone. "Ora la speranza, ma è quasi una certezza in realtà, è che questi campioni e queste campionesse siano di ispirazione e modello per tanti ragazzi con disabilità che, vedendo le loro gesta in tv o in rete, hanno scoperto o avuto la conferma che è possibile fare sport - aggiunge Silvia Bruno -. Il mondo paralimpico è pronto ad accoglierli: non è detto che tutti debbano diventare fuoriclasse ma è sempre importante scoprire nuovi talenti, anche perché le Paralimpiadi di Parigi 2024 sono dietro l'angolo".

print_icon