Green pass: rettore Torino, è misura equilibrata 

"La misura del Green Pass ha un suo equilibrio, non si obbliga alla vaccinazione, ma si dà la possibilità a chi non è ancora vaccinato, ha ancora dei dubbi, di usare per non essere contagioso il tampone". Così il rettore dell’Università di Torino, Stefano Geuna, commenta le polemiche sull'appello dei docenti universitari, fra i quali lo storico Alessandro Barbero, contro l'obbligo del Green Pass nelle università. "A chi si lamenta che il tampone si deve pagare, ricordo che il vaccino è gratis ed è la via maestra. Se vuoi essere sicuro, proteggere te e gli altri il modo migliore è il vaccino. Capisco l'irrequietezza, i punti di vista possono essere diversi. È una situazione di grande emergenza, nell’Università per definizione rispettiamo le posizioni di tutti. La questione non è essere d'accordo o meno, ma creare una Green zone in ambienti affollato come le università ha una sua filosofia", ha aggiunto Geuna a margine della presentazione della Notte Europea dei ricercatori. "Noi come Università ci stiamo attrezzando per rispettare questa norma, le cose stanno andando bene".

print_icon