Ferrovie: in Piemonte nuovi treni e chilometri invariati

Servizi più capillari e mantenimento della quantità di chilometri operati. Lo prevede il nuovo contratto di servizio ferroviario regionale che sarà sottoscritto con Trenitalia nelle prossime settimane. "L'impegno della Regione nel voler dare un servizio ferroviario migliore si è concretizzato, grazie ad un profondo lavoro degli uffici e di tutti i soggetti interessati, in una prima riorganizzazione che tiene conto dei cambiamenti dell'utenza, da un lato, e delle necessità di territori rimasti senza servizi, dall'altro", sottolineano in una nota il governatore Alberto Cirio e l'assessore regionale ai Trasporti, Marco Gabusi. Lo sforzo economico della Regione si è concretizzato nell'impegno aggiuntivo di 200 milioni di euro per i prossimi 10 anni per salvaguardare i servizi esistenti, in modo che non vengano operati tagli per pure ragioni economiche. Importanti le novità sui servizi. Da settembre verranno introdotti quattro nuovi treni diretti Biella-Torino, dal lunedì al venerdì, e due treni Asti-Milano, dal lunedì al venerdì. Dal 18 giugno si aggiungono quattro nuove corse - due il sabato e due la domenica - del treno-mare tra il Piemonte e l'Emilia-Romagna, e dal mese di luglio il raddoppio delle corse quotidiane tra Cuneo e Ventimiglia, con altri due treni al mattino e due al pomeriggio. Prevista nel settembre 2023 la riapertura di due delle linee sospese nel 2012, la Casale-Mortara e la Asti-Alba; già definita la possibilità tecnico economica di riattivare anche la Novara-Varallo. In arrivo, infine, 24 nuovi elettrotreni Pop e 9 nuovi elettrotreni Rock, in servizio dal 2023.

print_icon