ARIA DI CRISI

Bocciato il piano anti-smog. E l’assessore

Il Consiglio comunale di Torino approva all'unanimità la mozione che chiede la sospensione del blocco degli Euro 3 diesel nella Ztl. Fallisce la mediazione di Lubatti. E Fassino, dopo aver mandato allo sbaraglio i suoi, cerca di rimediare

SFIDUCIATO Enzo Lavolta

29 a zero. Questo è il risultato della votazione del Consiglio comunale di Torino sulla mozione in cui si chiede alla giunta di soprassedere alla limitazione della circolazione delle auto Euro 3 diesel nella zona Ztl, provvedimento previsto dal piano anti-smog presentato dall’assessore all’Ambiente Enzo Lavolta. Una vera e propria sconfessione, non solo del titolare delle deleghe, ma anche del tentativo di mediazione messo in campo nelle ultime ore dal collega di giunta Claudio Lubatti. Insomma, le tanto decantate diplomazie che avrebbero dovuto risolvere la querelle hanno fallito, e a dirla tutta neppure Piero Fassino esce a testa alta dalla vicenda. A nessuno sfugge, infatti, la gestione perlomeno superficiale mostrata dal sindaco che pare, anzi, aver mandato allo sbaraglio le giovani leve della sua squadra, finite nelle fauci di quel gran marpione di Domenico Mangone, il consigliere democratico che da tempo si è ritagliato il ruolo di “rompiscatole”.  A nulla è servito lo sforzo del capogruppo Pd Stefano Lo Russo: l’assemblea cittadina ha deciso di bocciare l’operato della giunta e mandare un netto segnale al primo cittadino. A cui ora spetta il compito di risolvere la questione.

 

E dire che una pezza per salvare capre e cavoli dopo le tensioni dei giorni passati era stata trovata. Sarebbe bastato che l’assessore facesse ammenda per le dichiarazioni, giudicate irrispettose, nei confronti dei consiglieri – “malpancisti e incompetenti” - rilasciate ai giornali. Così non è stato, come sottolineato proprio da Mangone in apertura del suo intervento. A quel punto la mediazione proposta da Lo Russo è saltata, Mangone ha presentato un sub emendamento in cui ha riproposto la sospensione dei blocchi per gli Euro 3 diesel, che passa con 15 voti favorevoli e 14 contrari. Nella maggioranza votano contro il parere della giunta anche i democratici Gianni Ventura, Guido Alunno, Marco Muzzarelli e il radicale Silvio Viale. Luca Cassiani (Pd) si astiene. Successivamente, viene votato anche con i voti dell’opposizione l’impianto complessivo della mozione in cui venivano recepiti i vecchi emendamenti dei presidenti di commissione Marco Grimaldi, Mimmo Carretta e Lucia Centillo (pedonalizzazioni del centro, zone 30 ed estensione della Ztl). Il risultato è 29 a zero. Alla fine Fassino è uscito visibilmente contrariato da un’aula che per la prima volta ha sconfessato così smaccatamente un suo assessore, tanto che un esponente della maggioranza in Sala Rossa, al termine della discussione attacca: “In condizioni normali Lavolta darebbe le dimissioni domani”. Ma non siamo in condizioni normali, evidentemente.

print_icon

9 Commenti

  1. avatar-4
    21:52 Martedì 15 Gennaio 2013 cesiracesira74 maturità dei politici

    Mentre le famiglie non riescono a sbarcare il lunario gli assessori e i consiglieri sono impegnati a stilare il registro delle presenze o a prendere decisioni affrettate senza valutare altre possibili alternative con persone veramente competenti..Sono profondamente delusa amareggiata constato la distanza tra i problemi reali dei cittadini e la politica

  2. avatar-4
    14:28 Martedì 15 Gennaio 2013 Cinghiale Richiesta di dimissioni

    Neppure il "cieco e sordo honoris causa", con la sua mirabile mediazione democristiana, è riuscito a salvare capra e cavoli. Talora la Giunta FASSINO pare una squadra di giovani incompetenti (ancor meglio: dilettanti della politica) mandati (forse volutamente) allo sbaraglio dal loro Capo (bersaniano doc che, al contrario, è un vero professionista della politica), troppo impegnato a sponsolizzare il buon Damiano a Montecitorio. LA VOLTA - LUBATTI, nel caso vi fosse rimasta ancora un pò di dignità, anzichè pensare solo alla poltrona, perchè non pensate realmente al "bene comune" (io sono iscritto al relativo albo) e rassegnate le dimissioni???

  3. avatar-4
    11:53 Martedì 15 Gennaio 2013 silvioviale SBRIGLIO NON C'ERA

    Emendamento centrale 15 favorevoli, 14 contrari e 1 astenuto FAVOREVOLI: Viale, Mangone, Muzzarelli, Ventura, Alunno, Appendino, Bertola, Ricca, Carbonero, Cervetti, Ambrogio, Marrone, Tronzano, Lucchina, D'Amico CONTRARI: Lo Russo, Tricarico, Levi, Centillo, Onofri, Genisio, Carretta, Nomis, Paolino, Grimaldi, Curto, Fassino, Dell'Utri, Moretti. ASTRNUTO: Cassiani.

  4. avatar-4
    06:55 Martedì 15 Gennaio 2013 cesiracesira74 IMU ALLE FAMIGLIE

    Brava la giunta comunale a distrarre l'attenzione sui soldi incassati dall'IMU..Non si potrebbe istituire un fondo salva famiglie accantonando una parte del provento dell'imposta prima che finisca nelle fauci di qualcuno??

  5. avatar-4
    03:55 Martedì 15 Gennaio 2013 silvioviale PEDONALIZZARE PIAZZA CASTELLO

    Dopo piazza San Carlo, questo è il punto strategico per ridisegnare il traffico in centro, riducendo l'estensione della ZTL e allungandone l'orario. Altrimenti serve a poco giocare con le macchinine..

  6. avatar-4
    00:54 Martedì 15 Gennaio 2013 Iltempodellapolitica Il tempo della politica

    I nostri consiglieri preferiscono porre l'attenzione e impiegare tempo in discussioni fini a se stesse piuttosto che pensare all'ambiente e alla salute dei cittadini e dei nostri bimbi. E'questa la politica? Invidie e ostruzionismo nei confronti di progetti giovani e Intelligenti?

  7. avatar-4
    23:30 Lunedì 14 Gennaio 2013 solo_blablabla Il paradosso

    ...o dimissioni...o zelig

  8. avatar-4
    23:29 Lunedì 14 Gennaio 2013 fussechefusse fusse che fusse

    fusse che fusse lavolta buona!!!ahhhh,chissà cosa ne pensano i suoi sponsor...

  9. avatar-4
    23:19 Lunedì 14 Gennaio 2013 nelbeneenelmale Dimissioni

    non c'è altro da aggiungere

Inserisci un commento