GLORIE NOSTRANE

Christillin entra (pure) in banca

La presidente dello Stabile è stata designata al vertice di Carige, rilevando il testimone dalle mani del marito Galateri che fino al 2011 sedeva nel cda dell’istituto ligure. Con questa nomina si allunga l’elenco di cariche della "Signora degli anelli"

È donna di teatro, di cinema, di sport e di televisione. E ora anche di banca. Evelina Christillin da oggi siede nel board di Banca Carige, precisamente nel consiglio di amministrazione della controllata Carige Italia, la newco creata lo scorso anno per gestire in maniera separata il business e le filiali fuori dalla Liguria. Già “Signora degli Agnelli”, in virtù degli storici legami che la legano alla schiatta della Real Famiglia, e “Signora degli Anelli” per essere stata la vertice della macchina organizzativa delle Olimpiadi invernali di Torino 2006, Christillin è presidente del Teatro Stabile, del Museo Egizio e guida l’Unione regionale dell’Agis, l’associazione che riunisce le principali imprese dello spettacolo. A un paio d’anni di distanza, prende il testimone direttamente dalle mani di suo marito, l’ex manager Fiat Gabriele Galateri di Genola, numero uno di Generali, la compagnia assicurativa che fino alla metà del 2011 deteneva il 3% dell’istituto ligure (a sua volta azionista allo 0,6% del Leone di Trieste) e che è stato nel cda di Carige fino al 2011.

 

Christillin, nota al grande pubblico per la sua partecipazione a numerose trasmissioni tv (“Ballando con le stelle”, ad esempio), oltre a queste cariche è membro del cda di Saes Getters, presidente della Filarmonica '900 del Teatro Regio della città della Mole.  Con Christillin siedono nel cda di Carige Italia Giovanni Berneschi (presidente della banca), Alessandro Scajola (vice presidetne), Ennio La Monica (ad di Carige Italia e dg della capogruppo), Pietro Guido Alpa, Philippe Marie Michel Garsuault.

print_icon