Perché non votare nelle caserme?

Non solo per il prossimo voto del 20 e 21 settembre, ma per tutte le prossime scadenze elettorali auspichiamo l’utilizzo delle caserme che molto spesso coprono bene il territorio cittadino e in diverse realtà sono deserte.

La presente proposta nasce anche dalla considerazione del rischio di portare all’interno delle scuole una popolazione eterogenea e senza controlli sanitari certificati e dalla contemporanea presenza dei militari che possono garantire il corretto svolgimento del voto in sicurezza, in collaborazione con le forze dell’ordine.

In merito alla prossima scadenza di settembre trovandosi ancora in un periodo estivo è anche possibile prevedere, salvo mal tempo, il voto in cabine posizionate nei cortili delle caserme stesse

*Giorgio Diaferia, responsabile Tavolo Sanità di Azione Torino

print_icon