PENNE ALLA PUTTANESCA

Ordine solidale col martire Giletti

Il presidente dei giornalisti piemontesi Sinigaglia prende posizione in difesa del noto conduttore, vittima di chissà quale complotto. Mentre la categoria è piegata da disoccupazione, ristrutturazioni aziendali e precariato

IL MARTIRE Massimo Giletti difeso dal presidente dell'Ordine dei Giornalisti Sinigaglia

Il coraggio - come diceva don Abbondio – uno, se non ce l’ha, mica se lo può dare. E non ha certo bisogno di darselo, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, giacché per scendere nell’Arena a salvare il torero Massimo Giletti incornato (o meglio scornato) dalla decisione del dg Rai, Alberto Sinigaglia ce l’ha eccome. Perché ci vuole, come si dice, davvero un bel coraggio a gettare il cuore oltre l’ostacolo e dosi massicce di “piena solidarietà” al conduttore del talk show postprandiale della domenica, nei confronti del quale la Rai ha fatto nulla di più e di diverso da quello che accade non di rado nei giornali (per non dire nelle aziende) senza strepiti isterici e tromboneggiamenti complottardi. Di fronte alla viva e vibrante partecipazione al travaglio di Giletti il monito presidenziale (dell’Ordine) induce a supporre che molti – e noi per primi – siano stati colpevolmente distratti allorquando, non un pur stimato e assai famoso giornalista - al quale Sinigaglia ha riservato l’accorato messaggio - bensì semplici cronisti o grigi redattori sono rimasti senza lavoro, oppure incappati in qualche maldestro ma veniale incidente di percorso.

In fondo Giletti, sia pure “relegato” in fascia serale o messo in stad-by per qualche tempo – remember i vecchi cimiteri degli elefanti nelle redazioni camuffati con nomi di desk altisonanti? – non rischia certo di finire a reggere uno striscione con i colleghi come capitato di recente ai giornalisti di alcune tivù private del Piemonte, sommersi dalla solidarietà e dal fattivo impegno del vertice del loro Ordine, c'è chi parla di un futuro a Mediaset e comunque quell'ingaggio da 430mila euro annui lo dovrebbe mettere al riparo dall'accattonaggio. E quegli altri cronisti, minacciati da movimenti non certo pacifici? Hanno incorniciato tempestivi messaggi presidenziali: No? Ah già, forse ad essere distratti non eravamo noi. Ma vabbè, il problema Giletti – quasi un’emergenza da affrontare col piglio di Bertolaso e il severo ammonimento di un Zagrebelsky davanti all’incombere del referendum – è ben altro rispetto a questioni che investono da mesi, anni, il giornalismo in Piemonte. Sempre meno posti di lavoro, scatoloni da Lehman Brothers sulle scrivanie, giovani aspiranti giornalisti costretti quasi a pagare per lavorare: e che sarà mai, di fronte alla “cancellazione o il trasferimento a ore serali dell’Arena di Giletti dai pomeriggi domenicali di Rai1, ai quali assicurava una media di 4 milioni di spettatori” come scrive il presidente dell’Ordine; forse trascurando che i rumors parlano di un possibile avvicendamento tutto piemontese all'Arena con l'apprezzata Cristina Parodi. Per il quale, tutto questo “comporta un preoccupante sospetto che ciò avvenga per la pressione di quanti hanno provato fastidio trovandosi coinvolti nei temi della politica, dell’attualità e della cronaca che il programma ha affrontato facendo informazione, come accaduto con l'inchiesta sui vitalizi ai politici”.

Avviso ai naviganti in plancia e sala macchine delle redazioni: chiunque abbia scritto dei vitalizi è a rischio. Tutti, o quasi. Ma il problema, l’emergenza è Giletti, tanto caro a Sinigaglia che parlando a nome dell’Ordine dice di essere “orgoglioso di averlo tra i propri iscritti”. Lo era, iscritto, pure nel 2006 quando fu sospeso per un anno per aver violato l’etica prestandosi a fare pubblicità. Per uscire dall’imbarazzo il futuro conduttore dell’Arena si dimise dall’Ordine nel 2008. Prima, sempre per la stessa violazione sulla pubblicità, era stato sottoposto ad altre due sanzioni disciplinari nel 1998 e nel 2005. L’ultimo procedimento aveva riguardato lo spot per una marca di polli. Ma sono cose vecchie, dimenticate. Oggi c’è in ballo l’Arena e il torero scornato. Bisogna difenderlo senza se e senza ma. E per farlo ci vuole coraggio, sì un bel coraggio.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    10:48 Giovedì 29 Giugno 2017 tandem Certezze

    Se Sinigaglia appoggia Giletti, di sicuro o ha la sua buona convenienza o non vuole scontentare qualcuno che gli serve.....

Inserisci un commento