Gulp, fumetti nei guai

Più che una diceria, è ormai una notizia di dominio pubblico. Proprio alla vigilia dell’apertura di Comics Torino, la rassegna più amata da tutti gli appassionati del fumetto, si apprende che l’anima e l’organizzatore della kermesse Vittorio Pavesio naviga in acque sempre più agitate. Dopo aver chiuso le due librerie torinesi, in via Po e via Di Nanni, il noto disegnatore starebbe vedendo il suo impero sgretolarsi pezzo a pezzo sotto una mole di debiti sempre più ingente. A quanto si sa anche la casa editrice è a un passo dalla chiusura, dopo aver pubblicato appena sei libri negli ultimi due anni, per non parlare dell’azienda capofila di quell’arcipelago di società create nell’ultimo anno, la Vittorio Pavesio Production, costretta ad abbandonare la sede al civico 140 di corso Peschiera perché non più in grado di pagare il leasing mensile. Forse è per questo che anche per Torino Comics, in programma domenica 14 al Lingotto, gran parte del lavoro sarebbe stato affidato a una società esterna, la Exenia srl, spuntata, sembra, quasi dal nulla.

print_icon