ECONOMIA DOMESTICA

Riso amaro, la protesta a Roma

Speculazioni, import selvaggio e inganni mettono a rischio il primato della qualità italiana. Con oltre 116 mila ettari, 1.100 aziende ed una produzione di 8 milioni di quintali, il Piemonte rappresenta la più importante realtà. Sit in al Mipaaf

I vertici della Coldiretti piemontese, con la presidente regionale Delia Revelli alla testa di una rappresentanza dei risicoltori della regione, sono scesi a Roma, per manifestare davanti al ministero delle Politiche agricole, contro le speculazioni e gli inganni che mettono a rischio il primato del riso italiano in Europa. Con i colleghi di Lombardia, Veneto ed Emilia, hanno lasciato le risaie per far sentire la loro voce con cartelli, striscioni e sacchi di riso dove si legge '”Da risaia a tavola prezzo aumenta di 5 volte, basta speculazioni”, ma anche “'+346% import riso da Vietnam, è invasione”.

Al centro della protesta #SosRisoItaliano ci sono anche le condizioni di sfruttamento del lavoro, l’inquinamento ambientale e i rischi per la salute dei prodotti importati low cost dall’Oriente, dove sono ammessi pesticidi vietati in Europa da decenni. Per combattere la concorrenza sleale gli agricoltori chiedono che ai prodotti importati vengano fatte rispettare le stesse regole di quelli nazionali che devono essere riconoscibili con un sistema trasparente di etichettatura di origine. “Basta inganni, subito l’etichetta di origine del riso”, ha chiesto con il megafono il presidente nazionale della Coldiretti, Roberto Moncalvo, titolare dell’azienda agricola “SettimoMiglio”, che gestisce con la sorella Daniela a Settimo Torinese. “Occorrono tre chili di risone per comperare un caffè”', dicono gli agricoltori, in attesa dell'incontro di settore con il ministro Maurizio Martina dal quale sono attese importanti novità.

1 pacco su 4 è straniero ma non si vede - Un pacco di riso su quattro venduto in Italia è straniero, ma non si vede per la mancanza dell’obbligo della provenienza in etichetta. Nel 2016 il prodotto arrivato dal Vietnam è aumentato del 346%, quello dalla Thailandia del 34%, una vera invasione da Oriente da cui proviene quasi la metà delle importazioni, totalizzando il record storico di 244 milioni di chili. È quanto emerge dal Dossier #SosRisoItaliano, elaborato della Coldiretti su dati Istat, dalla quale emerge che grandi quantità sono arrivate anche da India (34 milioni di chili), Pakistan (25 milioni di chili) e Cambogia (17 milioni di chili). Sotto accusa è l’introduzione da parte dell’Ue del sistema tariffario agevolato a dazio zero per i Paesi che operano in regime Eba, che ha fatto sì che le importazioni di riso lavorato, ricorda la Coldiretti, siano passate dal 35% del 2008/2009 al 68% del 2015/2016. Tutto questo facendo crollare la produzione in Italia. “Il riso made in Italy – spiega Moncalvo –  è da primato per qualità, tipicità e sostenibilità, che va difeso con l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza, il blocco delle importazioni da Paesi che non rispettano le stesse normative vigenti in Italia in termini di caporalato e di impiego di prodotti chimici pericolosi per la salute”.

Risone a denti stretti – Gli agricoltori devono vendere 3 chili di risone (quello greggio, appena raccolto) per pagarsi un caffè per colpa di speculazioni e inganni che colpiscono le risaie nazionali e danneggiano i consumatori. I prezzi del risone italiano da dicembre hanno subito un crollo del 33,4% mentre sugli scaffali dei supermercati sono rimasti pressoché stabili con un danno per i consumatori ed una perdita per i produttori stimata in 115 milioni di euro nell’ultimo anno. Il risone italiano viene pagato tra i 32 ed i 36 centesimi al chilo per l’Arborio e dai 33 ai 38 centesimi al chilo per il Carnaroli, mentre le varietà che arrivano dall'Asia costano circa la metà di quanto costa produrle in Italia.

Risaie in crisi – L’Italia, ricorda la Coldiretti, è ancora il primo produttore europeo di riso su un territorio di 237 mila ettari coltivato da 4263 aziende, per una produzione di 1,58 miliardi di chili; ma la situazione sta precipitando e a rischio c’è il lavoro di oltre 10 mila famiglie tra dipendenti e imprenditori impegnati nell’intera filiera. Con oltre 116 mila ettari, 1.100 aziende ed una produzione di 8 milioni di quintali, il Piemonte rappresenta la più importante realtà risicola.  

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento