Appalti: Esposito (Pd), C. Stato non c'entra con vicenda Anac

"Leggo su alcuni quotidiani ricostruzioni sulla vicenda Anac che riconducono la soppressione del comma 2 dell'articolo 211 del Codice degli Appalti ad un parere espresso dal Consiglio di Stato. Ribadisco, spero per l'ultima volta, che in nessun parere espresso dal Consiglio di Stato sul codice degli appalti esiste una osservazione relativa alla soppressione del comma 2". Lo precisa all'Ansa il senatore Stefano Esposito (Pd), vicepresidente della Commissione Lavori pubblici e relatore del nuovo Codice degli appalti. "Continuare a utilizzare come scudo di un gravissimo errore tecnico il Consiglio di Stato - sottolinea Esposito - è un ulteriore danno che si produce alla credibilità delle istituzioni". 

print_icon