GRANDI OPERE

Tav, altri 57 milioni per opere compensative

Il Cipe ha deliberato un ulteriore stanziamento. Salgono così a 100 milioni di euro le risorse complessive per le misure di accompagnamento alla nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità. Ok all'avvio dei primi due lotti dell'opera

Via libera dal Cipe allo stanziamento di ulteriori 57,26 milioni per le opere compensative per i territori interessati dai lavori della Torino-Lione, che si aggiungono ai 9,56 già approvati e ai 32,13 già inclusi nel costo certificato, portando a circa 100 milioni le risorse complessivamente stanziate per le misure di accompagnamento. Il ministero delle infrastrutture, su proposta del Commissario di governo e della regione Piemonte trasmetterà al Cipe un primo programma di attuazione delle misure di accompagnamento non appena concluso il processo di condivisione con i soggetti partecipanti all’Osservatorio dell'asse ferroviario.

Il Cipe ha inoltre preso atto della nuova articolazione in 5 lotti costruttivi non funzionali della sezione transfrontaliera. “Il lavoro congiunto con il commissario Paolo Foietta - ha dichiarato l’assessore regionale Francesco Balocco - ha portato al riconoscimento e alla formalizzazione delle somme destinate agli interventi di accompagnamento come aveva dichiarato il ministro Delrio. Arriveranno importanti risorse che dovranno essere utilizzate per realizzare, con il pieno coinvolgimento di tutto il territorio, opere e progetti in grado di portare in valle uno sviluppo reale e duraturo”.

“A settembre - aggiunge Foietta - ci aspetta, nell’ambito dell'Osservatorio, un importante lavoro di condivisione e progettazione comune. Con la conferma delle disponibilità economiche daremo corso insieme alla Regione Piemonte e a Telt al Patto del Territorio”. L'obiettivo, aggiunge il commissario, è “arrivare entro la fine dell’anno, insieme alla sottoscrizione del Patto, al finanziamento dei primi progetti, collegando così cronologicamente le misure di accompagnamento e di sviluppo del territorio, con l’inizio dei lavori nel cantiere principale del tunnel di base in Valle di Susa”.

La decisione del Cipe, ricorda Mario Virano, direttore generale di Telt, la società' incaricata di realizzare e poi di gestire la Torino-Lione, arriva dopo che a fine luglio il Consiglio superiore dei lavori pubblici ha dato il via libera al progetto dello svincolo di Chiomonte, in Valle di Susa. Poco prima, il ministero dell’Ambiente aveva riconosciuto il raggiungimento di tutti gli obiettivi geognostici del tunnel, ritenendo adeguata la decisione di terminare lo scavo a 7.020 metri. Decisioni che, sottolinea Virano, “dimostrano l’impegno e le sinergie messe in campo a tutti i livelli, dal governo, a partire dal ministero delle Infrastrutture e a quello dell’Economia, al commissario di governo e alla Regione Piemonte”. Il via libera odierno del Cipe consente infatti l’avvio delle gare e, quindi, l’inizio dei lavori, nel rispetto delle tempistiche e degli impegni transnazionali. Compresi quelli assunti dal governo per attingere alle risorse europee già assegnate per oltre 300 milioni di euro. Con l'approvazione dell’istruttoria sono infine garantiti gli impegni assunti, anche in tempi recenti, dal Governo, nei confronti degli enti locali e territoriali interessati dalla realizzazione dell’opera.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento