Italia, paradiso fiscale per stranieri (ricchi)

Con la finanziaria del 2017 è stato introdotto un regime fiscale speciale per chi decide di trasferirsi in Italia, che prevede il pagamento di una somma forfettaria di centomila euro e nessun particolare obbligo. La norma ha ovviamente lo scopo di attirare i milionari stranieri o italiani che risiedono da almeno nove all’estero, che a fronte di una tassa fissa possono risparmiare sui versamenti fiscali delle nazioni da dove arrivano. Contrariamente ad iniziative simili di altri stati che a fronte di un trattamento fiscale particolarmente vantaggioso richiedono di effettuare degli investimenti, il fisco italiano non richiede neanche ciò. Il vantaggio per il fisco italiano è nell’incasso dei centomila euro che altrimenti non otterrebbe, ma soprattutto nel rilancio dei consumi portato dai milionari, che si presume siano conseguenti ai loro redditi e in cascata nei maggiori introiti dovuti ad Iva, accise sui carburanti, bolli vari e agli altri mille balzelli.

Attualmente le domande presentate sono in numero di 160 per un incasso di 16 milioni. Parlando di milionari si presume che per abitare non acquisteranno un bilocale in periferia, ma un’abitazione costosa e quindi lo stato incamererà l’imposta di registro oltre all’Iva di notaio e agenzia immobiliare. Assumeranno del personale per amministrare la nuova residenza, acquisteranno arredi e così via. Delle spese dei nuovi milionari ne beneficeranno non solo lo stato italiano, ma anche chi fornirà loro beni e servizi.

Un provvedimento sicuramente positivo ed intelligente, ma che mette in luce le contraddizioni del legislatore italiano. Intanto questa nuova legge per quanto positiva crea un nuovo tipo di contribuente che si va ad aggiungere ai tanti regimi speciali già esistenti. Perché alcuni devono pagare tanto e altri meno?

Un'altra assurdità è l’evidente fatto che l’Italia diventa una sorta di paradiso fiscale per milionari. Niente contro i paradisi fiscali, che per fortuna esistono, ma perché fare la lotta ai paradisi fiscali e poi fare una legge che gli fa concorrenza?

Un ultima considerazione piuttosto importante riguarda l’evidenza che il legislatore con tale provvedimento è conscio che la diminuzione delle imposte fa aumentare i consumi: allora perché non diminuire le tasse a tutti?

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento