Quell’euro della discordia

Le vicissitudini nella formazione del nuovo governo hanno portato l’attenzione su Euro ed Europa. Al solito si sono create le opposte tifoserie degli europeisti e degli anti europeisti. Prima di fare qualsiasi ragionamento si può dire che tutte le scelte sono possibili, l’importante è tener conto dei costi: è inutile discutere se uscire o meno dall’euro se non si valutano tutte le conseguenze e i relativi costi. Non è un tabù e non dovrebbe essere considerato tale né l’uscita dall’Euro né dall’Unione Europea. Ovviamente bisogna valutare vantaggi e svantaggi di ogni scelta. Rubando una battuta popolare, tutto si può fare, basta avere i soldi.

Il Regno Unito, per esempio, ha deciso di uscire dall’Unione Europea, ma partiva da una situazione in cui si era mantenuta con un piede fuori e ciò ha reso meno difficoltoso il processo. Gli inglesi non avevano mai aderito all’euro mantenendo la sterlina e ciò ha reso più facile la fuoriuscita. A questa importante condizione, si aggiungevano altre condizioni di contorno favorevoli, ma comunque dei costi nell’operazione ci sono stati e ci saranno. Per esempio, tutte le aziende americane che vogliono aprire una sede in Europa, avevano come prima scelta il Regno Unito, perché godevano contemporaneamente il vantaggio della lingua e dell’accesso al mercato unico. Ora l’isola non garantisce più l’accesso al mercato europeo e molte aziende si stanno trasferendo sul continente. Fare i conti dei vantaggi e degli svantaggi non è facile, soprattutto nel lungo periodo.

L’Europa così come è non va bene e la fuoriuscita inglese è stato un utile scossone, anche se dalle parti di Bruxelles la lezione non è stata ancora capita.

L’uscita dell’Italia dall’Unione Europea è decisamente più complicata rispetto a quella dell’Inghilterra. Intanto l’Italia ha adottato l’euro e ritornare alla lira non è una cosa così semplice. Pensate solo ai software che utilizzano le banche per i loro conteggi e vi renderete conto dell’immane lavoro. E così per tutte le aziende che adottano software per la contabilità. Oltre a questo lo stato italiano ha un debito pubblico enorme che lo espone alla volontà dei creditori. Precisiamo che i creditori dello stato italiano non sono solo le cattive banche tedesche, ma tutti noi, anche chi non possiede titoli di stato direttamente è molto probabile che lo sia in maniera indiretta. I fondi pensione dove investono? I fondi comuni, i vari prodotti assicurativi e così via. Le stesse banche dove abbiamo il conto corrente hanno degli investimenti in titoli di stato italiano: una eventuale perdita sui questi titoli non potrebbe spingerle a ritoccare in su le varie commissioni? E vogliamo dimenticarci di tutti i pensionati che hanno investito in loro risparmi in titoli di stato italiano? La situazione è più complicata di quanto sembri.

Lo stato italiano ha un costante bisogno di raggranellare denaro per rinnovare i titoli del debito pubblico e fare nuovo debito e volente o nolente non può scontentare i creditori. La situazione è questa; può non piacere, ma non bisogna prendersela con i creditori se i debiti li abbiamo fatto noi. Torno a ripetere i creditori non sono entità astratte o solo investitori stranieri, ma siamo anche tutti noi.

L’euro non ha portato solo svantaggi all’Italia: ha potuto godere di bassi tassi di interesse che hanno permesso di risparmiare decine di miliardi di euro all’anno di interesse. Se poi i governanti italiani di destra e di sinistra non hanno saputo approfittare di questi risparmi per ridurre il debito pubblico non è certamente colpa dell’Europa. Il famoso spread, che misura la differenza fra il rendimento dei titoli tedeschi considerati sicuri e il rendimento dei titoli di stato italiani, non era basso per particolari meriti dello stato italiano, ma grazie ad un santo in paradiso, ovvero Draghi che a comando della Banca Centrale Europea stampa euro per comprare titoli di stato. Se l’Italia uscisse dall’euro, chi comprerebbe i titoli di stato italiano? La Banca d’Italia potrebbe far ben poco rispetto alla Banca Centrale Europea. Il bazooka di Draghi che ha permesso di ridurre lo spread e di dare fiato al debito pubblico di stati come Italia e Grecia, non ha avuto conseguenze inflazionistiche, ma la stampa forsennata di lire per comprare debito pubblico potrebbe avere ben più gravi conseguenze sul tasso di inflazione. L’investitore internazionale è comunque rassicurato dal fatto che l’Italia sia nel sistema dell’euro, perché gli altri paesi per salvare se stessi, in qualche modo sono costretti ad aiutare i paesi in difficoltà per evitare turbolenze sull’euro, come è stato fatto per Grecia e Italia. Fintanto l’Italia è nell’euro, l’investitore potrà sempre sperare nel bazooka della Banca Centrale Europea, ma fuori, questa tutela non c’è. Questi sono i costi da tenere conto in caso di fuoriuscita dall’euro e non è detto che lo stato italiano in tal caso non vada in bancarotta.

Indubbiamente le imprese che esportano trarrebbero vantaggio da una lira debole, ma non bisogna dimenticare l’altro lato della medaglia che sarebbe quello di pagare tutte le importazioni con una moneta debole e non risulta che l’Italia sia ricca di materie prime o sia dotata di centrali nucleari. Il prezzo di petrolio e gas andrebbe alle stelle con relativi costi di benzina e della bolletta energetica. Bisogna valutare se il gioco vale la candela. Inoltre nonostante l’euro le imprese italiane hanno continuato ad esportare.

Una breve disamina non esaustiva per cercare di illustrare le difficoltà di un’uscita dell’euro dell’Italia. Tutto è possibile, ma l’importante è tener conto di costi e benefici.

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento