PARTECIPATE

Gtt, gli stipendi dei dipendenti arrivano dai parcheggi

Il Comune di Torino consente alla sua azienda di utilizzare oneri di concessione per 17 milioni. Verranno restituiti entro il 2021. Intanto aumentano i disallineamenti. Una gara per l'esternalizzazione di parte del servizio

Nel 2017 la situazione finanziaria di Gtt si è ulteriormente aggravata. Sono emersi nuovi disallineamenti che la Regione Piemonte stima in alcuni milioni di euro, mentre il Comune di Torino tende a ridimensionare a poche centinaia di migliaia. La cifra esatta si saprà solo nel momento in cui verrà approvato il bilancio dell'azienda di trasporto (il consiglio di amministrazione non ha ancora dato il via libera neanche ai conti dello scorso anno), mentre il tavolo tecnico sui crediti pregressi vantati dall’azienda avrà il compito di stabilire il valore della transazione su cui la Regione si è impegnata a versare una cifra attorno ai 20 milioni di euro. Di certo, come richiesto più volte da piazza Castello, l’accordo sul pregresso dovrà essere “tombale” e ora si capisce perché il vicepresidente Aldo Reschigna temesse nuove richieste da parte dell’azienda. Fino al 2016, i disallineamenti tra crediti e debiti di Gtt ammontavano a oltre 70 milioni. A questo punto la trattativa dovrà comprendere anche il “rosso” accumulato nella gestione dell’anno in corso prima di chiudere definitivamente il capitolo e iniziare il 2018 con un accordo chiaro e condiviso che è già stato messo nero su bianco: Regione e Comune impegneranno 2,5 milioni a testa per la metropolitana, le cui risorse per il finanziamento raggiungeranno così i 20 milioni. Altri 1,7 milioni verranno garantiti dalla Regione per il servizio di superficie, raggiungendo i 137,5 milioni di fabbisogno dichiarati da Gtt.

La società Deloitte, incaricata di asseverare il piano industriale, si è riservata di attendere numeri certi, a partire dall’importo complessivo di debiti, disavanzi e disallineamenti, per apporre il proprio “bollino” al documento di risanamento aziendale redatto dall’advisor (Kpmg). Secondo fonti attendibili, tuttavia, i disallineamenti complessivi di Gtt sarebbero aumentati nell'ultimo anno fino a superare i 141 milioni.

Intanto, l’emergenza in questo momento è di chiudere l’anno tamponando una situazione di cassa drammatica, che mette a rischio stipendi e tredicesime dei 5mila dipendenti. Per farlo, il Comune di Torino ha concesso a Gtt di trattenere 17 milioni sugli introiti dei parcheggi, differendo l’incasso di tali oneri al 2021. Il Comune ammortizzerà il mancato introito attraverso un’anticipazione di tesoreria. Una sorta di prestito che Palazzo Civico offre alla sua azienda per tamponare in attesa che venga approvato il piano industriale e con esso vengano sbloccati i 40 milioni di fondi Fsc in dotazione alla Regione, i circa 20 milioni (il dato dovrà essere confermato dal tavolo sui disallineamenti) relativi alla transazione con l’Agenzia e gli ulteriori 20 milioni messi a disposizione dalle banche.  

Novità relative al piano industriale emergono in queste ore anche  sul fronte dell’esternalizzazione del servizio che dovrebbe riguardare circa 3 milioni di chilometri. L’individuazione del gestore avverrà tramite una gara pubblica, aprendo dunque le porte a eventuali privati, a partire dal colosso anglo-tedesco Arriva che già gestisce, attraverso la controllata Sadem, il servizio di Extra.To, consorzio di cui fa parte la stessa Gtt e con la quale partecipa alla gara per il nodo ferroviario del capoluogo.

Intanto Chiara Appendino ha nominato un nuovo componente del consiglio di amministrazione, sostituendo la dimissionaria Elisabetta Bove con Silvia Cornaglia, commercialista torinese, specializzata in piani di risanamento e ristrutturazione aziendale. Il consiglio cda risulta quindi composto da Walter Ceresa (presidente e amministratore delegato), Gianmarco Montanari e, appunto, Cornaglia.

print_icon

1 Commenti

  1. avatar-4
    08:19 Giovedì 07 Dicembre 2017 Nonmollo Gtt

    Speriamo che non combini troppi danni dimenticando i documenti importanti nei cassetti !!e non solo

Inserisci un commento