Curto al Pd: “Su mafia e politica non è tempo di omissis”

Il consigliere di Sel distribuisce in Sala Rossa un dvd nel quale sono contenuti integralmente gli atti dell'inchiesta Minotauro: “Siamo a una svolta storica. No a posizioni ambigue”

LEGALITA' Michele Curto

Un dvd per ogni consigliere. All’interno gli atti dell’inchiesta Minotauro, attraverso la quale i giudici hanno acceso i riflettori sui rapporti tra ‘ndrangheta calabrese e politica nella provincia di Torino, e l’ultima relazione della Commissione parlamentare antimafia, nella quale emergono forti preoccupazioni per l’estensione degli affari malavitosi anche nel Nord Italia. L’iniziativa è del consigliere comunale di Sinistra e Libertà Michele Curto che ha deciso di distribuire la documentazione in Sala Rossa, proprio all’apertura della prima assemblea cittadina. «E’ un modo per sensibilizzare tutti i miei colleghi su un tema che giudico cruciale. Queste inchieste hanno segnato una svolta storica, la politica non può arroccarsi su posizioni autoconservative».

 

Il riferimento implicito è alle recenti prese di posizione dei vertici del Partito democratico, che con il presidente Andrea Giorgis aveva chiesto, in un’intervista a Repubblica, maggiore prudenza da parte della magistratura e l’utilizzo massiccio di omissis “per evitare gogne mediatiche”.  Lo stesso Procuratore capo della Repubblica Giancarlo Caselli, sorpreso per l’ambiguità di una formazione politica, da sempre al fianco della magistratura, aveva lanciato pochi giorni fa un significativo monito: «Chiedo alla politica di non chiudersi a riccio». Ora è Curto a tenere alta l’attenzione, con una mossa a sorpresa «che spero possa far riflettere tutta la politica torinese sulla gravità di quanto sta accadendo».

print_icon