OGGI & DOMANI

Il futuro è roba da ragazzi


	Il futuro è roba da ragazzi

Gli studenti del liceo Mazzarello promuovono un ciclo di conferenze sui temi cruciali dei nostri tempi: Ambiente, accoglienza, solidarietà. Tra i relatori alcuni personaggi celebri come Mercalli e Petrini

Partire dall'attualità per provare a disegnare un futuro diverso. È con questo spirito che gli studenti del liceo salesiano paritario Madre Mazzarello promuovono un ciclo d’incontri cui parteciperanno anche personalità note al grande pubblico come il climatologo Luca Mercalli, il patron di Slow Food Carlin Petrini e il medico di Lampedusa Pietro Bartolo. “Prospettive” è il titolo di una serie di conferenze che si terranno fra gennaio e aprile 2020. Così questo gruppo di “audaci” studenti, come loro stessi si definiscono, prova a riflettere e prendere coscienza di quanto sta accadendo, dalle crisi climatiche a quelle umanitarie, accoglienza [...]

Leggi l'articolo
STRENNA

Il mondo è davvero una favola

Nel nuovo libro Vito Foschi parla di valori quali il coraggio, la libertà, il sacrificio, il rispetto, la responsabilità, il senso del lavoro. Racconti per piccini ma con un insegnamento anche per i grandi


	Il mondo è davvero una favola
07:45 Sabato 21 Dicembre 2019

Quattro anni dopo l’edizione digitale pubblicata da Leolibri, da qualche giorno è disponibile su Amazon la versione cartacea de Il papà racconta, la raccolta di favole

INTELLOS

L'ultima lezione di Ricolfi

Il sociologo torinese chiude mercoledì la sua carriera accademica. Studioso eclettico e antidogmatico annovera tra i suoi maestri Napoleoni, Gallino e Ivar oddone. Il cruccio per quella sua sinistra "antipatica" che ha ormai smarrito la sua ragion d'essere


	L'ultima lezione di Ricolfi
17:48 Lunedì 16 Dicembre 2019

Luca Ricolfi lascia l’Università. Mercoledì prossimo, 18 dicembre, nell’aula 10 di corso San Maurizio 31/a, il professore torinese, docente di psicometria al dipartimento di Psicologia, accoglierà gli studenti

ONORIFICENZE

A Segre prima del Nobel il tartufo

La senatrice premiata nel settantesimo anniversario della medaglia d’oro al valore militare assegnata nell’ottobre del ‘49 alla cittadina delle Langhe. I ricordi del ramo piemontese della sua famiglia: "Il suo profumo era simbolo di festa". Cirio: "Questa terra le vuole bene"

A Segre prima del Nobel il tartufo
14:01 Sabato 14 Dicembre 2019

“Bisogna dare i premi Nobel a chi li merita veramente, non a una cittadina molto più semplice come sono io. Lasciamo i Nobel ai Nobel”. Liliana Segre commenta così

MEMORIA

Segre cittadina onoraria di Torino

Il conferimento votato all'unanimità dal Consiglio Comunale. Contestualmente la Sala Rossa ha approvato anche l’istituzione della Commissione consiliare speciale per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo, e istigazione all'odio

16:08 Lunedì 09 Dicembre 2019 0

Liliana Segre è cittadina onoraria di Torino. Il Consiglio comunale ha votato oggi all’unanimità il conferimento dell’onorificenza alla senatrice a vita testimone dell’Olocausto, finita recentemente sotto scorta a causa delle minacce ricevute sul web. Con [...]

ANALISI

Un declino lungo quarant'anni

È dagli anni Ottanta che Torino e il Piemonte perdono colpi. Un ritardo da colmare tornando a investire sugli asset fondamentali. La miopia della politica e la scommessa dell'innovazione. Parla il prof. Chiaia, luminare del Politecnico e amministratore di Tne

07:30 Domenica 27 Ottobre 2019 0

“L’immagine della crisi è quella di un fuoco che si sta spegnendo. Noi dobbiamo cercare di tenerlo vivo, alimentarlo. Serve ossigeno e materiale da bruciare”. Suona come un paradosso sentirlo dire da chi è stato sui luoghi dove le fiamme hanno devastato: dalla Cupola del Guarini al Teatro [...]

IERI & OGGI

Com'era caldo quell'autunno

16:15 Mercoledì 16 Ottobre 2019 0

Un libro rievoca la stagione di lotte operaie del 1969 assurta a topos del sindacalismo italiano. La Fiat, i giovani immigrati, corso Traiano. Un capitolo cruciale della storia del Paese tra presse, catene di montaggio e barachin

SACRO & PROFANO

La Chiesa valdese Trotta

13:52 Venerdì 30 Agosto 2019 0

Eletto il successore di Bernardini al vertice della Tavola: è una "moderatora" metodista 51enne laureata in Giurisprudenza a Palermo. Nei prossimi sette anni sarà lei a guidare i rapporti con lo Stato e a delineare l'agenda

SACRO & PROFANO

Valdesi: troppa turbolenza in politica

18:16 Mercoledì 21 Agosto 2019 0

A pochi giorni dall'apertura del Sinodo, il moderatore uscente Bernardini rinnova la disponibilità delle Chiese evangeliche e metodiste ad accogliere i profughi, a partire da quelli della Open Arms. Appello al nuovo governo perché stemperi il clima

CHE STORIA

Tutta Torino balla(va)

08:00 Sabato 27 Luglio 2019 0

Una città felice, che guarda oltre le macerie, a lutto eppure viva quella raccontata da "Dopoguerra", il bel volume di Avagliano e Palmieri. Al suono di un'orchestra o di un grammofono tornava la vita e si progettava il futuro

PERSONAGGIO

Morto Grosso, giurista e vice di Novelli

10:43 Mercoledì 24 Luglio 2019 0

Figlio dell'ex sindaco democristiano di Torino, negli anni Ottanta entra nella giunta rossa della città. Vicepresidente della Regione e del Csm, ha seguito alcuni dei grandi processi d'Italia a partire dalla strage di Bologna

IDEE & ANALISI

"Non c'è Piemonte senza Torino"

08:00 Domenica 16 Giugno 2019 0

Lo sciovinismo da strapaese è assurdo e miope. La perdita di centralità del capoluogo (e delle sue classi dirigenti) inevitabilmente si ripercuote sulla regione. Asvisio, numero uno dei commercialisti, suona la sveglia, "altrimenti saremo terra di conquista"

PASSATO & PRESENTE

Morto Gabetti, il Richelieu di Agnelli

09:50 Martedì 14 Maggio 2019 0

Si è spento a 94 anni lo storico braccio destro dell'Avvocato. Dal primo incontro a New York ai vertici della holding finanziaria della famiglia: è stato lui a lavorare per spianare la strada della successione a Elkann

RESISTENZA

"Una lotta di parte, quella giusta"

07:30 Giovedì 25 Aprile 2019 0

Non c'è nessun fascismo alle porte, ma gli anticorpi alle torsioni illiberali e autoritarie vanno continuamente ravvivati. Piegare la storia agli interessi politici contingenti è un errore pericoloso. Ne parliamo con il professor Barbero, studioso e gran divulgatore