IDEE & ANALISI

"Non c'è Piemonte senza Torino"


	"Non c'è Piemonte senza Torino"

Lo sciovinismo da strapaese è assurdo e miope. La perdita di centralità del capoluogo (e delle sue classi dirigenti) inevitabilmente si ripercuote sulla regione. Asvisio, numero uno dei commercialisti, suona la sveglia, "altrimenti saremo terra di conquista"

“Torino sta perdendo rispetto al mondo, al resto d’Italia e anche rispetto al resto della regione. Bisogna chiedersi perché”. Una risposta, Luca Asvisio, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti torinesi dal suo osservatorio privilegiato sul mondo delle professioni e dell’economia al quale si rivolge per “Fare rete” come ha battezzato il forum in programma in città per l’autunno, ce l’ha. Ed è di quelle che a qualcuno non farà piacere sentire, come accade con le verità scomode. “La nostra classe dirigente non è stata in grado di preservare le proprie posizioni”. E così le hanno occupate altri dal resto del Piemonte. È capitato con il cunee [...]

Leggi l'articolo
PASSATO & PRESENTE

Morto Gabetti, il Richelieu di Agnelli

Si è spento a 94 anni lo storico braccio destro dell'Avvocato. Dal primo incontro a New York ai vertici della holding finanziaria della famiglia: è stato lui a lavorare per spianare la strada della successione a Elkann


	Morto Gabetti, il Richelieu di Agnelli
09:50 Martedì 14 Maggio 2019

È morto questa notte Gianluigi Gabetti, per anni uno dei più stretti collaboratori di Gianni Agnelli. Si è spento questa notte, per un arresto polmonare, a 94 anni nella stanza 604, al sesto piano dell’ospedale San Raffaele

RESISTENZA

"Una lotta di parte, quella giusta"

Non c'è nessun fascismo alle porte, ma gli anticorpi alle torsioni illiberali e autoritarie vanno continuamente ravvivati. Piegare la storia agli interessi politici contingenti è un errore pericoloso. Ne parliamo con il professor Barbero, studioso e gran divulgatore


	"Una lotta di parte, quella giusta"
07:30 Giovedì 25 Aprile 2019

Quando il 25 aprile di settantaquattro anni fa l’Italia era “liberata”, per le strade ancora si sparava. Il Piemonte fu certamente tra le regioni che offrì il contributo maggiore alla Resistenza, come dimostrano le medaglie

EDITORIA

Il ricordo di un giornale dimenticato

Va in mostra la Gazzetta del Popolo: 135 anni di storia dal 1848 al 1983. Il soffio della storia da Cavour al crepuscolo della Prima Repubblica. Nella sede di corso Valdocco, a Torino, vedeva la luce un foglio innovativo e spesso anticonformista


	Il ricordo di un giornale dimenticato
12:35 Mercoledì 24 Aprile 2019

Sono trascorsi trentasei anni da quel 31 dicembre 1983, da quando la Gazzetta del Popolo chiuse definitivamente. È stato un grande giornale, una voce importante nella vita della città, rendendola meno asfittica

IDEE

Il nuovo Stato? Liquido

Se vorrà sopravvivere dovrà trasformarsi in un organismo più flessibile, abbandonare i monopoli che si è arrogato ed evolversi in una struttura che si adatti al mutare incessante della società. In edicola l'ultimo libro del nostro columnist Vito Foschi

07:30 Giovedì 18 Aprile 2019 0

Lo Stato ha una sua storia con un inizio e una evoluzione, ma nel sentire comune viene percepito come un’entità eterna sempre esistita e soprattutto necessaria, un qualcosa di consustanziale alla civiltà umana. Queste prerogative fanno dello Stato, nella mente delle persone, un’entità meta [...]

SPORT & POLITICA

"Spostate il derby", lo chiede l'onorevole

Deputati di ogni schieramento fondano il Toro Club di Montecitorio e sollecitano la Federcalcio di individuare un'altra data per la sfida tra Juve e i granata. Il 4 maggio si celebra Superga

14:36 Giovedì 04 Aprile 2019 0

Spostare il derby tra Juventus e Torino. Ora a chiederlo sono pure i parlamentari del costituendo Toro Club di Montecitorio, che pare stia per nascere proprio su impulso di questa iniziativa. La stracittadina, infatti, è prevista il 4 maggio, lo stesso giorno [...]

IDEE

"Smettiamola con il piagnisteo e la politica del tirare a campare"

07:30 Domenica 31 Marzo 2019 0

C'è una retorica consolatoria e vittimistica, presente anche nelle classi dirigenti di Torino e del Piemonte, che impedisce di cogliere i nodi reali della crisi e di progettare il futuro. Per Manghi, uno degli ultimi maître à penser, occorre investire su giovani e nuovi saperi

LA SACRA FAMIGLIA

"Gli Agnelli possono fare ancora molto per Torino" (che Dio ce la mandi buona)

11:44 Sabato 23 Marzo 2019 0

Alla messa di trigesima per Marella, l'arcivescovo Nosiglia sollecita la Famiglia a non trascurare l'impegno per la città che tanta parte ha avuto nella storia secolare della dinastia e della Fiat

INTERVISTA

"Il Piemonte torni a rischiare"

07:25 Domenica 17 Marzo 2019 0

Sempre più vecchia e con scarso ricambio delle sue classi dirigenti, la regione ha perso smalto. La strada non è solo maggiore autonomia. Occorre puntare su giovani e innovazione. E smetterla col piagnisteo. Parla Giovannini, capo della multinazionale Guala

PRIMA REPUBBLICA

Dignità dei lavoratori, per Statuto

16:27 Domenica 10 Marzo 2019 0

“Un sistema economico in grado di offrire all’uomo uno sviluppo non alienante, ma costruito sulla base di equilibri ispirati al rispetto della persona e dei valori più profondi che devono guidare la convivenza civile”. L’eredità di Donat-Cattin a cento anni dalla nascita

PRIMA REPUBBLICA

E col Preambolo finì la solidarietà nazionale

17:18 Martedì 05 Marzo 2019 0

L'anticomunista "democratico", la rottura con il Pci, quel biglietto di Amendola. Le idee e le gesta di Carlo Donat-Cattin, tra i più influenti leader della sinistra Dc. Il 14 marzo a Roma le celebrazioni per il centenario della sua nascita

OBITUARY

Morto Soria, patron del Grinzane Cavour

10:51 Martedì 26 Febbraio 2019 0

È spirato questa mattina, a 68 anni, nella struttura sanitaria Villa Ida di Lanzo dove scontava gli arresti domiciliari. Aveva reso grande il premio letterario piemontese, ma fu travolto dalle inchieste

PRIMA REPUBBLICA

Troppo di sinistra per la Chiesa

11:48 Venerdì 22 Febbraio 2019 0

Dagli archivi spunta una lettera di Carlo Donat-Cattin a Papa Giovanni XXIII. L'allora deputato torinese della Dc lamentava di essere ostracizzato dalle gerarchie per la sua posizione di apertura al Psi. Uno squarcio su un'epoca in cui la politica interrogava principi e ideali

IDEE

"Il Piemonte pianga se stesso"

07:40 Domenica 03 Febbraio 2019 0

Da tempo non produce più né progetti innovativi né classi dirigenti. E cullarsi nella retorica autoconsolatoria e vittimistica non fa altro che aumentare la marginalizzazione. Così per il decano degli economisti italiani Forte non resta che tornare a scommettere sul futuro