COMUNE DI TORINO

Sala Rossa, missing Coppola

L'ex sfidante di Fassino recordman dell'assenteismo, il vendoliano Grimaldi è invece il più presente. Il più loquace è Ricca (Lega Nord), con 411 interventi, oltremodo laconici Dell'Utri, Moretti e Porcino. Dati, curiosità e statistiche di fine anno

SALA ROSSA

Voleva fare il sindaco, ma da presunto capo dell’opposizione Michele Coppola marca visita in Sala Rossa. E’ infatti lo sfidante di Piero Fassino il più assenteista del Consiglio comunale di Torino: presente solo 17 volte - peraltro spesso per fugaci apparizioni - ha saltato gran parte dei provvedimenti più importanti della giunta di Piero Fassino senza colpo ferire. Certo il suo impegno da assessore regionale alla Cultura lo impegna molto, ma in questi casi c’è un rimedio: le dimissioni.

 

Lo Stakanov del parlamentino torinese è invece Marco Grimaldi di Sel, con le sue 688 presenze tra consiglio e commissioni, doppiando quasi il capogruppo Michele Curto (345). Sul podio anche il grillino Vittorio Bertola (597) e il leghista Fabrizio Ricca (556). Il primo del Pd è invece Gianni Ventura con 506 sedute all’attivo. A vincere la palma del consigliere più loquace è il capogruppo del Carroccio Ricca, con 411 interventi, davanti a Bertola, con 294, e il pidiellino Silvio Magliano (279). Non li vedi e non li senti i laconici Marco Muzzarelli, Guido Alunno e Michele Dell’Utri che hanno totalizzato 5 interventi in tutto l’anno, uno in meno del figlio d’arte Giovanni Porcino e del già citato Ventura.

 

Per quanto concerne la produttività dell'Assemblea il presidente Giovanni Maria Ferraris (Moderati) comunica che nell'anno sono stati approvate 146 delibere, 118 mozioni e 35 ordini del giorno. Tra gli assessori la più laboriosa è la titolare della delega all'Urbanistica Ilda Curti, che ha proposto 34 delibere, seguita da Gianguido Passoni (Bilancio) e Tom Dealessandri (Partecipate) con 28. Solo una per Maria Cristina Spinosa (Decentramento).

print_icon

0 Commenti

Inserisci un commento