Monge

No Tav, in piazza piccola parte non ci spaventa 

In piazza oggi a Torino "c'è stata la manifestazione di una piccola parte di persone che difende un suo interesse particolare, parziale ed esplicito. Il nostro NoTav parla un linguaggio comune, non difende interessi di categoria, non cerca nuove garanzie. Penserete mica che ci spaventiamo o deprimiamo per piazza Castello piena?". Così il movimento No Tav. "La piazza l'abbiamo riempita così tante volte - proseguono i No Tav - che non ci stupisce neppure un po', anche perché lo abbiamo fatto sempre con tutti contro". "Dal Pd a Forza Italia, passando dai sindacati a Forza Nuova - scrive il movimento No Tav - con lo sponsor esplicito di tutti i quotidiani e di associazioni di imprenditori della Torino bene hanno riempito la piazza di tanti capelli bianchi, dei giubbotti firmati, dei tanti che non possono accettare che le cose vadano in maniera diversa da come sono sempre andate". "Trovarsi di colpo a veder sottratto quel gioco, composto da politica/affari/favori/conoscenze, che ha foraggiato la crescita del 'Sistema Torino' in tutti questi anni - aggiunge il movimento No Tav - meritava una difesa bella compatta, veloce ed esplicita. Ma questa volta siamo noi a giocare in attacco!".

print_icon