RINCORSA

Renziani certi: “Espugneremo il Piemonte”

La chiamata alle urne, le polemiche sui regolamenti, i ricorsi preventivi. I rottamatori piemontesi, dopo aver sfiorato il successo al primo turno, sognano il sorpasso. E nel clan bersaniano sospetti e accuse reciproche avvelenano la vigilia

Non c’è tempo per analisi politiche troppo sofisticate. Le primarie in salsa tricolore sono così: il primo turno è alle spalle, ma il duello decisivo è dietro l’angolo. Le polemiche si mescolano alla campagna elettorale e le dichiarazioni di Matteo Renzi sono come iniezioni di adrenalina per i suoi seguaci piemontesi, già galvanizzati dal risultato di domenica scorsa, quando hanno conteso fino alla fine il successo a Pier Luigi Bersani, sostenuto da tutto l’establishment, da Piero Fassino ad Antonio Saitta, dal segretario regionale Gianfranco Morgando a tutti i parlamentari (eccezion fatta per il prodiano Mario Barbi e i veltroniani Magda Negri e Stefano Ceccanti). Insomma, si può ancora vincere, o la va o la spacca. Concetto ribadito ieri a Firenze, alla riunione dei luogotenenti, a cui erano presenti i consiglieri regionali Davide Gariglio, Angela Motta e Stefano Lepri. E allora il tam tam riprende come non si fosse mai interrotto così come la litania sui regolamenti. C’è anche chi ha già provveduto a inoltrare il ricorso contro l’interpretazione giudicata restrittiva della delibera numero 25 che regola la partecipazione al ballottaggio per chi non ha votato al primo turno.

 

I membri renziani della segreteria provinciale torinese, Lepri e Silvia Fregolent, si sono mobilitati per chiedere che gli uffici elettorali restino aperti per le registrazioni giovedì, venerdì e sabato dalle 8 alle 20, con sedi distaccate in tutta la provincia. Sanno anche loro che serviranno forze nuove per contendere la vittoria. La partita per i seguaci del sindaco fiorentino è da cardiopalmo: il voto organizzato, si sa, è più facile da riportare alle urne rispetto a quello di opinione di cui han fatto incetta i rottamatori; inoltre i vendoliani piemontesi sono pronti a garantire il proprio sostegno al segretario Pd. Ma il ballottaggio sono come i rigori e per tutti la partita è apertissima, anche perché i renziani a quanto pare potrebbero contare anche su qualche alleato oscuro. Cos’è successo, per esempio a Ciriè, cittadina dell’hinterland e regno del sindaco Francesco Brizio? Il primo cittadino, legato mani e piedi al segretario regionale Gianfranco Morgando aveva garantito il proprio sostegno a Bersani eppure in città Renzi ha ottenuto il 50% dei consensi con il segretario fermo al 33%. Tanto è bastato a Brizio per ricevere accuse di doppiogiochismo, pare addirittura dalla segretaria provinciale del partito Paola Bragantini.

 

Nel caravanserraglio bersaniano la vittoria mutilata in Piemonte brucia e ha già provocato veleni e sospetti. A Nichelino, dopo essere arrivati addirittura alle mani, ieri è stato il giorno delle scuse: l’ex parlamentare Salvatore Buglio, bersaniano, ha offerto un ramoscello d'ulivo al renziano Franco Fattori, già vice sindaco dell’attuale amministrazione, per l’aggressione: “Ho recato un danno al partito e alla buona politica” recita il mea culpa. 

print_icon

5 Commenti

  1. avatar-4
    12:03 Mercoledì 28 Novembre 2012 nichelino doppio gioco

    certo buglio ha fatto questo tipo di dichiarazioni, ma però in realtà ha fatto votare per Renzi, a nichelino lo sanno tutti

  2. avatar-4
    11:47 Mercoledì 28 Novembre 2012 La Redazione Doppio Gioco

    Non crediamo alle favole, bensì prendiamo atto delle dichiarazioni ufficiali di cui ognuno si assume la responsabilità

  3. avatar-4
    11:29 Mercoledì 28 Novembre 2012 nichelino doppio gioco

    mi dispiace ma buglio ha fatto finta di sostenere Bersani, ma in realtà ha appoggiato renzi.... informatevi bene..... poi siete padroni di credere alle favolette....

  4. avatar-4
    10:58 Mercoledì 28 Novembre 2012 La Redazione Doppio Gioco

    Buglio ha sostenuto Bersani, alcuni dei suoi, vedi Bonino, assessore della giunta Catizone, hanno sostenuto Renzi.

  5. avatar-4
    10:20 Mercoledì 28 Novembre 2012 nichelino doppio gioco

    Buglio Bersaniano???? ma se in realtà ha fatto votare Renzi!!!!informatevi bene....

Inserisci un commento