Forza Italia

Fiat (Industrial) espatria. In Olanda

Dalla fusione con Chn nascerà una newco con base nei Paesi Bassi e titolo quotato a New York. Mossa dettata da convenienze di mercato, ma è un triste presagio sui destini del gruppo

Si fonde e se ne va. Sotto la regia di Sergio Marchionne, il manager dei due mondi, Fiat Industrial unirà i propri destini con la controllata Cnh Global. Quartier generale scelto per il matrimonio: l'Olanda. L'operazione, ha spiegato il numero uno del Lingotto, nella veste di presidente della società capofila delle attività per il settore di veicoli industriali, macchine per agricoltura e costruzioni, consentirà «ai mercati di valutare adeguatamente il valore complessivo di Fiat Industrial e Cnh. Questa chiarezza - ha aggiunto - faciliterà anche l'ottenimento di finanziamenti dei nostri business a costi più favorevoli e garantirà la necessaria flessibilità per le future operazioni strategiche».


La decisione arriva dopo aver valutato le proposte ricevute da diverse banche d'affari relative a possibili strutture per la semplificazione dell'attuale assetto azionario di Fiat Industrial e della quota dell'88 per cento da essa detenuta in Cnh, Fiat Industrial ha individuato una soluzione che, se implementata, semplificherebbe la struttura del capitale del Gruppo creando un'unica azione quotata a Wall Street e, in via secondaria presso un'altra borsa in Europa, e quindi facilmente negoziabile.

«L'operazione presa in esame - ha osservato Marchionne - costituisce la naturale evoluzione del processo di semplificazione del mondo Fiat. Una semplificazione che ha avuto inizio con la scissione di Fiat a favore di Fiat Industrial nel 2010 ed è continuata con l'unificazione delle azioni in una singola categoria. Questi eventi hanno evidenziato la scarsa capacità attrattiva della quotazione di Fiat Industrial e Cnh in due mercati diversi e come tale struttura impedisca di trarre ulteriori benefici dal posizionamento sui mercati azionari di uno dei più grandi gruppi al mondo nel settore dei Capital Goods. Al fine di ottemperare agli obblighi previsti della legge statunitense e italiana, Fiat Industrial depositerà oggi presso la Securities and Exchange Commission un “Amended Schedule 13D” e adempirà agli obblighi formali derivanti dalla normativa Consob in relazione all'annuncio relativo all'operazione proposta».

La proposta presentata al consiglio di amministrazione di Cnh prevede la fusione di entrambe le società in una nuova holding di diritto olandese (Newco) sulla base di rapporti di concambio da determinarsi in base ai prezzi di mercato delle azioni Fiat Industrial e Cnh precedenti l’annuncio della transazione. Sede in Olanda e titolo trattato a New York. Con Torino sempre più marginale.

print_icon