FUORI DAL CORO

Lega choc: “Napolitano indegno”

Il capogruppo del Carroccio in Sala Rossa diserta l'incontro con il Capo dello Stato, a Torino per il decennale di Agnelli: "E' il regista del governo tecnico, non mi rappresenta e non merita la mia stretta di mano". Anche i grillini declinano l'invito

Napolitano? Una persona indegna. Con questa dichiarazione choc il capogruppo della Lega Nord al Comune di Torino Fabrizio Ricca rompe la concordia istituzionale nella giornata del decennale della morte di Gianni Agnelli sparando a zero sul Capo dello Stato. Secondo quanto riporta La Presse il fatto avrebbe provocato un grande imbarazzo anche all’interno del Carroccio stesso, rappresentato alle celebrazioni a Palazzo Civico dal governatore Roberto Cota. Il giovane virgulto leghista ha, infatti, platealmente disertato un incontro riservato con il Presidente della Repubblica, alla Sala delle Congregazioni, cui partecipavano i capigruppo dell’assemblea cittadina. «Ero in Comune per celebrare Agnelli, non per la presenza di Napolitano che dopo aver dato vita al Governo tecnico non può più rappresentarmi» rincarando la dose su Facebook: «Senza offesa per nessuno la mano all’indegno Napolitano non la dò». In tarda serata è lo stesso Ricca, in un colloquio telefonico con Lo Spiffero a smentire le pesanti affermazioni nei confronti del Presidente rilasciate all'agenzia di stampa. Una ritrattazione che sembra indotta dalle conseguenze, forse impreviste, successive alla sua improvvida affermazione. La parola incriminata "indegno" era peraltro comparsa in mattinata in un suo post su Facebook: "Stamattina alla messa per i 10 anni della scomparsa dell'avvocato e poi dare il benvenuto al presidente, indegno, Napolitano".

 

Presa di distanza anche dei grillini che spiegano attraverso una nota in rete la mancata partecipazione alla commemorazione del’Avvocato. «Non ci riconosciamo e non ci troviamo a nostro agio in questo genere di celebrazioni da VIP, tanto più in un momento in cui ogni risorsa disponibile andrebbe concentrata su chi ne ha veramente bisogno» dichiarano i consiglieri Vittorio Bertola e Chiara Appendino. «Non intendiamo fare polemiche o mancare di rispetto a nessuno, ma crediamo che queste cerimonie marchino la distanza tra una élite chiusa dentro auto blu e transenne e una cittadinanza che fa sempre più fatica ad ottenere dalle istituzioni risposte ai propri problemi anche gravi».

print_icon

7 Commenti

  1. avatar-4
    14:35 Venerdì 25 Gennaio 2013 ninel ma che generazione.......

    Queste sarebbero le nuove generazioni della politica??? pronti a fare i dissacratori ma anche ad incassare lauti stipendi, i cittadini che li hanno votati sono i soli che si dovrebbero indignare, mi sento di dire che la storia si ricorderà certamente del nostro presidente, per fortuna di questi personaggi ce ne dimenticheremo presto!!!!

  2. avatar-4
    22:12 Giovedì 24 Gennaio 2013 nelbeneenelmale Scusi Viale,

    ma quel megaschermo Euphon a beneficio di quei 4 gatti fuori dal Duomo chi l'ha pagato? Lapo? Ho paura di no.

  3. avatar-4
    21:08 Giovedì 24 Gennaio 2013 silvioviale MANCANZA DI CORAGGIO DEL LEGHISTA. STUPIDITÀ' A 5 STELLE.

    Ricca avrebbe dovuto stare al suo posto in fila con gli altri Capigruppo e al passaggio di Napolitano (nome infelice) rifiutarsi di stringere la mano. Invece è rimasto seduto in Sala Rossa, senza e meno incrociare il Presidente. Bertola e Appendino sono gli eredi di quel rapporto di odio/amore che ogni torinese ha avuto con la FIAT. La scusa dei costi è ridicola. Peraltro, al massimo, riguardano la presenza di Napolitano ... a rimorchio dei costi della messa in Duomo non pagata dal Comune.

  4. avatar-4
    19:35 Giovedì 24 Gennaio 2013 Cat Alla stupidità non c'è limite...

    Forse questo "giovane" doveva trovare il modo di far conoscere il proprio nome! L'ha fatto nel modo più stupido.. Dubito che qualche persona possa voler essere rappresentato da un personaggio simile ed è fantastico che queste esternazioni arrivino in questo momento pre elettorale! Meditate gente, meditate!

  5. avatar-4
    19:14 Giovedì 24 Gennaio 2013 wd mah

    Non credo che Napolitano se ne sia accorto. Magari glielo hanno detto, chissà.

  6. avatar-4
    18:51 Giovedì 24 Gennaio 2013 nelbeneenelmale Risate

    Questo non sa l'italiano e si permette anche di sparare giudizi di questo tipo? Tutt'altro discorso per i grillini che hanno elegantemente disertato la cerimonia. Antipolitici, populisti, demagoghi ma sicuramente coerenti, avversi ai poteri forti e dalla parte dei cittadini.

  7. avatar-4
    18:31 Giovedì 24 Gennaio 2013 estremocentro chi ?

    e chi sarebbe questo giovane...?

Inserisci un commento