COMUNE DI TORINO

“Ridurrò il debito che ho ereditato”

Per la prima volta Fassino fa riferimento alle responsabilità di chi l'ha preceduto a Palazzo Civico. Di fronte ai giudici della Corte dei Conti conferma l'intenzione di procedere con il piano di dismissioni e taglio della spesa. I rilievi dei giudici

«Ci siamo trovati a gestire scelte del passato, ma l’impegno al risanamento è avviato». Pur senza fare nomi e cognomi, per la prima volta il sindaco Piero Fassino ha ammesso le responsabilità del suo predecessore sulla disastrata situazione del bilancio di Palazzo Civico. Nell’udienza pubblica di fronte al magistrato istruttore della Corte dei Conti Giuseppe Maria Mazzapesa, il primo cittadino ha confermato che «per contenere l’indebitamento serviranno più esercizi» e che il percorso «virtuoso» intrapreso prevede il proseguimento delle dismissioni di partecipate, a partire da Gtt, l’azienda del trasporto pubblico. Insomma, ci vorrà tempo e per questo, per proseguire nel processo di riduzione del debito monstre di 4,5 miliardi (comprese le aziende partecipate), saranno necessari altri anni di sacrifici.

 

Secondo quanto prevede la nuova legge 174 del 2012, i Comuni sono ormai tenuti a interloquire con le sezioni regionali della magistratura contabile, dando indicazione preventiva su come intendano comportarsi per consolidare il trend di abbattimento del debito. Per questo nei giorni scorsi la Sala Rossa ha votato una delibera di programmazione economica e finanziaria con gli indirizzi proposti dall’amministrazione per ridurre il debito. Di qui l’incontro di stamani al quale ha partecipato anche l’assessore al Bilancio Gianguido Passoni e la prima linea dei dirigenti di Palazzo di Città. Tra i rilievi dei giudici, la preoccupazione per il ricorso, anche nell’ultima manovra approvata a fine anno, di entrate straordinarie per coprire la spesa corrente, un artifizio di cui si è fatto ampio uso durante gli anni di Sergio Chiamparino e che con Fassino è stato ridotto al minimo, con la promessa che dall’anno in corso non verrà più utilizzato.

 

Il sindaco ha rivendicato i propri risultati: «Abbiamo ridotto la spesa corrente per 48 milioni e di 20 milioni il personale. Sul piano delle dismissioni, dopo la vendita di quote di Trm, Amiat e Sagat proseguiremo con Gtt e altre partecipate». L’assessore Passoni sottolinea i risultati legati al contenimento delle spese, denunciando come i tagli da Roma abbiano messo in ginocchio il Comune, gravando sulla gestione e sulla programmazione, quindi non su risorse da impegnare ma spesso su scelte e impegni già assunti. In conclusione Passoni conferma le parole di Fassino: «In questo nuovo clima di contenimento della spesa pubblica il nostro impegno è concreto, non è possibile avere risultati in poco tempo».

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    10:05 Mercoledì 27 Febbraio 2013 Alberto Nigra Commento musicale...

    Quarantaquattro gatti.Nella cantina di un palazzonetutti i gattini senza padroneorganizzarono una riunioneper precisare la situazione.Quarantaquattro gatti,in fila per sei col resto di due,si unirono compatti,in fila per sei col resto di due,coi baffi allineati,in fila per sei col resto di due,le code attorcigliate,in fila per sei col resto di due.Sei per sette quarantadue,più due quarantaquattro!Loro chiedevano a tutti i bambini,che sono amici di tutti i gattini,un pasto al giorno e all'occasione, poter dormire sulle poltrone!Quarantaquattro gatti,in fila per sei col resto di due,si unirono compatti,in fila per sei col resto di due,coi baffi allineati,in fila per sei col resto di due,le code attorcigliate,in fila per sei col resto di due.Sei per sette quarantadue,più due quarantaquattro!Naturalmente tutti i bambini,tutte le code potevan tirare,ogni momento e a loro piacerecon tutti i gatti giocherellare.Quarantaquattro gatti,in fila per sei col resto di duesi unirono compatti,in fila per sei col resto di due,coi baffi allineati,in fila per sei col resto di due,le code attorcigliate,in fila per sei col resto di due.Sei per sette quarantadue,più due quarantaquattro!Quando alla fine della riunionefu definita la situazioneandò in giardino tutto il plotonedi quei gattini senza padrone.Quarantaquattro gatti,in fila per sei col resto di due,marciarono compattiin fila per sei col resto di duecoi baffi allineati,in fila per sei col resto di due,le code dritte dritte,in fila per s

  2. avatar-4
    17:44 Martedì 26 Febbraio 2013 nelbeneenelmale Fassino

    Fassino prova a dare un colpo di coda ma anche la sua strada è segnata.

  3. avatar-4
    17:37 Martedì 26 Febbraio 2013 ide entrate straordinarie

    Tra le entrate straordinarie c'è da mettere il maggior introito dell'IMU derivante da migliaia di immobili censiti a catasto in maniera errata. Si è proposto al sindaco di interessarsi della questione tramite una mozione, ma solo il movimento 5 stelle e la lega hanno votato a favore, gli altri hanno detto: "va bene così".

Inserisci un commento