TUTTO IN CASA

Politica e conti: Pass(i)oni di famiglia

Gianguido è da 10 anni assessore al Bilancio del Comune, il fratello Pier Luigi è revisore in alcune delle principali aziende pubbliche partecipate o legate a Palazzo Civico. L'opposizione prima fa la voce grossa, poi preferisce desistere

Un fratello a occuparsi dei conti di Palazzo Civico, l’altro nominato in quasi tutte le più importanti aziende pubbliche partecipate dalla Città di Torino. Se per la legge è tutto ok, di certo dal punto di vista politico e formale la situazione della famiglia Passoni appare imbarazzante. Almeno per qualche consigliere della Sala Rossa.

 

E così, mentre il Comune chiude i cordoni della borsa per tentare anche quest’anno di restare a galla e restare nei parametri imposti dall'odiato patto di stabilità, i Passoni pare riescano a sbarcare il lunario senza difficoltà grazie anche agli incarichi ottenuti dall’inizio degli anni Duemila ad oggi da Pier Luigi, commercialista e fratello dell’assessore al Bilancio Gianguido, già braccio destro di Sergio Chiamparino per le questioni contabili e oggi tra gli uomini più forti dell’esecutivo guidato da Piero Fassino, dove oltre al Bilancio si occupa anche di Decentramento, Personale e Patrimonio. Ultimi rampolli di una schiatta di politici: il nonno Pierluigi fu partigiano e primo Prefetto della Torino liberata, mentre il padre, Luigi, è stato deputato, vicesindaco e assessore alle finanze nella giunta rossa di Diego Novelli

 

Secondo una ricerca condotta dallo Spiffero Pier Luigi Passoni negli ultimi quindici anni è stato nominato sindaco o revisore dei conti in alcune delle più importanti società pubbliche comunali tra cui Amiat dal 2000 a oggi, Smat dal 2007 a oggi, Environment Park, dal 1999 a oggi, Fct Holding dal 2003 al 2007. Oppure in società a loro volta controllate da partecipate comunali (Aemnet dal 2010 a oggi, Iride Servizi dal 2002 al 2006, Iren Energia dal 2006 al 2010, Iren Acqua e Gas dal 2010 a oggi, Acque Potabili dal 2008 a oggi). E infine in società successivamente incorporate da alcune partecipate pubbliche come Publirec dal 2003 al 2008 o Amiat – Trattamento dei beni durevoli incorporata in Amiat dal 2000 al 2010, entrambe acquisite da Amiat e Società Canavesana Acque, inglobata da Smat nel 2008.

 

Del tema si era occupato anche Maurizio Marrone, consigliere di Fratelli D’Italia, che ad aprile aveva protocollato un’interpellanza sottoscritta da tutti i consiglieri di opposizione. Poi nel giro di pochi giorni molti di loro si sono misteriosamente sfilati e l'iniziativa venne abbandonata persino dallo stesso Marrone, pare su pressioni diretta dei propri referenti a livello locale. Persino i due consiglieri del Movimento 5 Stelle hanno preferito soprassedere.

print_icon