LA SACRA RUOTA

Ufficiale: Stellantis lascia Grugliasco

Il gruppo annuncia il trasferimento a Mirafiori: nasce il Turin Manufacturing District dove verranno realizzate anche tutte le Maserati. Entro il 2024 chiuderà i battenti il glorioso stabilimento che fu di Bertone. L'azienda assicura: nessun esubero

Assemblaggio, verniciatura e logistica si trasferiranno subito, dal 2024 anche la lastratura. Nel giro di due anni il sito ex Bertone di Grugliasco, passato nel 2009 alla Fiat, chiuderà i battenti e i suoi 1.149 dipendenti, tra tute blu e impiegati, si trasferiranno a Mirafiori (non sono previsti esuberi). Lo ha annunciato Stellantis al tavolo convocato oggi al Mise dal ministro Giancarlo Giorgetti, confermando l’anticipazione pubblicata venerdì dallo Spiffero.

La verniciatura di Mirafiori, ad alta prestazione rispetto a quella di Agap – Avvocato Giovanni Agnelli Plant – porterà vantaggi qualitativi già su Ghibli e Quattroporte. “Anche la logistica, con i magazzini unificati, sarà a Torino a vantaggio dell’efficienza” fanno sapere fonti sindacali. Il gruppo, rappresentato dal deputy chief operating officer della Regione Europa Davide Mele e da Pietro De Biasi, responsabile delle relazioni industriali, ha inoltre sottolineato che “l’attuale ciclo di vita e la generazione futura della Fiat 500 full-electric, con tutta la gamma di motorizzazioni elettriche, faranno sempre capo a Torino ed è stato ribadito l’impegno a mantenere la presenza e le competenze di produzione e ingegneria nell'area torinese sfruttando anche la proficua collaborazione con il Politecnico. Un’area, quella torinese, in cui sono stati investiti oltre 2 miliardi negli ultimi tre anni e che, sul fronte della transizione energetica e il centro di competenza per l’elettrificazione, può contare, tra le altre cose, sul Battery Hub, il più grande impianto Vehicle-to-Grid al mondo e sulla Solar Power Production Units con i pannelli solari”

Mirafiori diventerà un centro di competenza per l’elettrificazione del gruppo Stellantis: non solo la 500 elettrica, ma lo Stellantis Turin Manufacturing District con un unico processo di produzione per diversi modelli Maserati, in grado di integrare piattaforme e sistemi di propulsione differenti.

Riguardo alle produzioni, Mele ha chiarito che il settore della 500 full electric crescerà dall’attuale 10 per cento al 70 per cento tra il 2025 e il 2030 e potrebbe salire potenzialmente a 200mila unità prodotte all’anno. Per quanto riguarda Maserati nel 2022 partiranno a Mirafiori la Gran Cabrio e la Gran Turismo, nel 2024 sarà la volta di nuova Ghibli, Quattroporte e Folgore.

Leggi anche: Come Marchionne si accollò la Bertone

print_icon