PARLAMENTARIE SEL

I vendoliani alle “secondarie”

Roma decide i capilista, quindi la competizione tra Curto e Grimaldi è solo sul secondo posto in lizza. Il segretario "dimezzato" in ticket con l'ex sindaco No Tav di Avigliana. Robotti contro Airaudo: "E' di un'altra era geologica"

Per ora le polemiche restano sottotraccia, ma una cosa è certa, alla fine della bagarre elettorale anche in Sel arriverà il momento del redde rationem. Durante l’assemblea federale di ieri, il segretario provinciale di Torino Michele Curto ha fatto nuovamente mancare il numero legale nel momento in cui doveva essere votato un documento di sfiducia nei suoi confronti, abbandonando l’aula assieme al gruppo di fedelissimi. Degli 81 che avevano appena votato le liste dei candidati alle parlamentarie del 30 dicembre ne restano solo 44: seduta conclusa. All’interno del parlamentino vendoliano il capogruppo in Sala Rossa non ha più la maggioranza e anche per questo tenterà la carta romana, evitando di rimanere prigioniero di una comunità politica che ormai lo ripudia.

 

Per vincere potrà contare sull’alleanza con l’ex sindaco di Avigliana Carla Mattioli, candidata in ticket per assicurare al segretario dimezzato i voti No Tav di un pezzo della Valsusa, così come Nicoletta Cerrato, già in corsa per lo scranno di primo cittadino a Rivalta, anche lei contraria all’alta velocità. Dall’altra parte c’è il consigliere comunale Marco Grimaldi, lo Stakanov della Sala Rossa. Al suo fianco c’è Francesca Gruppi, coordinatrice del Comitato Torino per Vendola. Vicino a Grimaldi anche Antonietta Carpinelli, consigliera della Circoscrizione X che presidierà il quartiere Mirafiori, e l’ex Pdci Mariella Balbo di Vanchiglietta.

 

Quello che si contenderanno i due giovani esponenti della Sala Rossa sarà con ogni probabilità il secondo posto in lista per il Piemonte 1, dal momento che Nichi Vendola sarebbe deciso a inserire Monica Cerutti, capogruppo a Palazzo Lascaris e membro della segreteria nazionale, come capolista in quota nazionale. La proposta verrà sottoposta domani all’assemblea del partito che dovrà votarla, anche se da tutta Italia monta il malumore contro i "garantiti" e per questo non sono escluse sorprese dell'ultimo minuto. Lo stesso dicasi per il sindacalista leader della Fiom piemontese Giorgio Airaudo: il presidente della Puglia gli ha messo a disposizione la capolistatura in Senato, ma lui non avrebbe ancora sciolto le proprie riserve, vista anche la pioggia di critiche - soprattutto dagli altri rappresentanti dei lavoratori - piovutagli in testa nei giorni scorsi. E le critiche arrivano anche dal partito: Luca Robotti, leader della terza mozione congressuale, in un colloquio con Lo Spiffero dice chiaramente che «Sel non si può identificare con Airaudo, fermo a un’era geologica vecchia e rappresentante di quella sinistra che ha fatto male alla sinistra radicale e massimalista che ormai è stata sconfitta».

 

Qualora dovesse rinunciare sarebbero pronti a correre l’ex assessore regionale Nicola De Ruggiero, Chiara Acciarini, che già in passato occupò gli scranni di Palazzo Madama, Vanda Bonardo, l’ex sindaco di Alpignano Josè Accalai, Elena Chinaglia, staffista di Cerutti in via Alfieri, Adriana Bevione e il consigliere comunale di Borgaro Luigi Spinelli. Infine il Piemonte 2, dove i due principali sfidanti restano il segretario piemontese Fabio Lavagno e il capogruppo a Biella Roberto Pietrobon

print_icon

5 Commenti

  1. avatar-4
    12:19 Domenica 23 Dicembre 2012 cattivotenente CHE SENSO HA?

    Che senso ha fare delle primarie di partito, quando è già stato deciso che la signora Cerutti, consigliera regionale, membro della segreteria nazionale, membro dell'assemblea regionale, membro dell'assemblea provinciale è stata cooptata dal nazionale per un "cadreghino" sicuro? Con il rischio, se il partito non fa una buona performace, sia l'unica eletta?

  2. avatar-4
    22:40 Sabato 22 Dicembre 2012 ilmaligno Cerutti, Robotti ....

    .. due prefessionisti della politica contro un uomo che ci ha messo il cuore in SEL. Vorrei solo far notare chi sono i voltagabbana, tuttologi in Regione, che vogliono fare tutto e fanno tutto male.... La Sig.ra Cerutti al congresso straordinario era acerrima nemica di quel Robotti di cui adesso è alleata. naturalmente nulla a che vedere con la cosa che nel caso la Cerutti venga eletta a Roma il buon Robotti prenda posto in Regione... non vorrei mai pensare questa cosa..... inoltre il fatto di sfiduciare il segreterio in questo momento di campagna elettorale mi sembra un operazione politica degna di essere chiamata demenziale...... purtroppo fin dalla fine del congresso sui è cercato di rompere l'unità del partito... i perdenti non sono stati all'altezza di accettare la sconfitta... e di lavorare insieme al segeretario per far crescere il partito... e nonostante tutte i sabotaggi Vendola ha preso il 20% alle primarie del PD in provincia, sopra alla media nazionale, ha realizzato una festa con la gente e per la gente con anche un piccolo attivo... festa alla quale i due citati sopra non hanno mai partecipato neanche per bere un caffè...invece cari compagni mi spiace vi è andata male.... la festa è riuscita ed anche bene.... Ora la giusta cosa sarebbe stata quella che gli amministratori in carica e coloro che aveano incarichi nel partito non si candidASSERO PER LE POLITICHE DANDO UN SEGNALE FORTE DI diversità, si rispetta l'impegno preso con gli elettori e con

  3. avatar-4
    16:11 Sabato 22 Dicembre 2012 guastafeste E' SALTATO TUTTO!

    MA LE PRIMARIE DI SEL SI FANNO ANCORA? IERI L'ASSEMBLEA REGIONALE NON HA LICENZIATO LE LISTE PER LE PRIMARIE PER MANCANZA DEL NUMERO LEGALE!!!

  4. avatar-4
    08:47 Sabato 22 Dicembre 2012 Giancavallo Basta!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Dico basta a questa vecchia politica di persone che agognano solo agli scranni ed al potere che ne deriva. Anche io sono un ex di qualcosa, ma proprio per la scelta di cambiamento che ho fatto speravo in un partito che sapesse lavorare intorno al leader, Michele Curto, eletto in un congresso già straordinario. Questi biechi giochi di potere, finalizzati ad occupare poltrone, stanno letteralmente disgustando la base, i compagni che si identificano intorno ad un'idea di sinistra orientata al rinnovamento. Scegliamo volti nuovi, estranei alla vecchia politica. Gianni

  5. avatar-4
    14:28 Venerdì 21 Dicembre 2012 Lenin2012 Attenzione! Robotti è desiderato

    Egregio sig. Robotti, vorremmo gentilmente informarLa che la mozione tre non esiste più: lei non è il leader di nulla e di nessuno. Un consiglio: la vita è una questione di stile. Anche quando ci si accinge ad occupare l'agognata poltrona ( seppur per un ultimo e fugace giro di giostra, stante la magrezza dei consensi personali) non sarebbe male mostrare un pò di eleganza. Ps: alla lunga gli spifferi portano mal di schiena e torcicollo.

Inserisci un commento