ALTA TENSIONE

Casellanti No Tav bloccano l’autostrada

Il movimento che si oppone all'alta velocità controlla il traffico dell'A32 alla caccia di camion carichi di materiale diretto al cantiere di Chiomonte. Ancora una volta restano con un pugno di mosche. Ma la viabilità in Valsusa è in serio pericolo

È la sindrome della talpa. Dopo essere stati beffati dall’arrivo della grande fresa, giunta in incognito sana e salva al cantiere di Chiomonte, e del relativo carico di bulloni e attrezzature per il montaggio sopraggiunto in barba alle vedette piazzate sul percorso, il movimento No Tav ha deciso di allestire una barriera di controllo al traffico sull’autostrada del Frejus. Una settantina di attivisti, appartenenti alle frange più oltranziste del movimento, ha bloccato l’autostrada Torino-Bardonecchia, nel comune di Chianocco, frazione Vernetto, nella carreggiata in direzione della Francia. I manifestanti si sono dati appuntamento sostenendo che dovesse passare un convoglio diretto al cantiere della Torino-Lione di Chiomonte. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine.

 

Ecco il resoconto che ne ha fatto, in diretta, il sito notav.info: cronaca eloquente della natura che ha preso ormai la protesta in Valsusa, vera e propria guerriglia. Sul web, intanto, si moltiplicano gli appelli a partecipare al blocco. Uno di questi è stato condiviso su Facebook da Laura Castelli, deputata del Movimento 5 Stelle.

Aggiornamento ore 19.55: la polizia ha chiuso l’autostrada all’altezza di Borgone.

Aggiornamento ore 19.45: individuato dalle sentinelle NoTav un trasporto sospetto. Dall’assemblea alla rotonda del Vernetto ci si è spostati in autostrada dove sarà fatto un filtro dei veicoli in passaggio per verificare la natura del mezzo. Importante è che chi può converga in autostrada all’altezza del  Vernetto (svincolo autostradale di Chianocco).

Aggiornamento ore 17,30 – in questo momento sta transitando un altro trasporto di talpa…chi può raggiunga l’autostrada a Bussoleno all’altezza della galleria prapuntin…fai girare. Assemblea spostata alle 19 al Vernetto.

In bassa Valle rimangono a Rosta e a Drubliaglio i blindati delle ffoo, raggiunti in tarda mattinata da un paio di mezzi dell’esercito (Rosta).

Sembra ci siano assembramenti di cc anche in alta valle e un mezzo è stato seguito per capire se andava in direzione campeggio di Chiomonte: questo mezzo è entrato in cantiere e al momento non c’è NESSUN sentore di sgombero del campeggio da dove ne arrivo e dove la situazione è MOLTO tranquilla.

Invece dal versante cantiere, verso le 11.20 stavano scaricando dal viadotto un enorme cerchio di diamentro corrispondente alla talpa ed altre attrezzature inerenti il montaggio della stessa da un container già posizionato in cantiere.

Se non ci fossero altre notizie o urgenze nel pomeriggio, rimane confermata l’assemblea di questa sera alle 19.00 al presidio di Chiomonte. E’ importante che ci siano i comitati. Facciamo un piccolo sforzo e cerchiamo di partecipare facendo girare quest’info.

 

Prosegue quindi il presidio sulla bretella autostradale. Qualche giorno fa a fare le spese di questo nuovo fronte di lotta è stato un un inconsapevole camionista olandese, bloccato con alcuni automobilisti sulla A 32 e rimasto scioccato dall’incontro con i No Tav. Il suo Tir, un trasporto eccezionale diretto in Francia, è stato danneggiato pesantemente da una cinquantina di dimostranti incappucciati che hanno preso d’assalto il mezzo arrampicandosi sul carico, colpendo con violenza portiere e finestrini e tranciando di netto un pneumatico. Ad agitare gli animi il tam-tam sulla rete che aveva convinto il gruppo di attivisti, già organizzati in un presidio nelle vicinanze, a Bruzolo, che il convoglio «eccezionale» passato dal casello Bruere poco prima delle 23 di giovedì trasportasse i pezzi della nuova fresa che dovrà continuare lo scavo del tunnel propedeutico alla realizzazione delle Torino-Lione. Credevano che il Tir fosse diretto al cantiere Tav di Chiomonte e non volevano che arrivasse a destinazione. Soltanto quando ha mostrato i documenti di viaggio i manifestanti hanno realizzato che nel rimorchio non c’era alcun pezzo della grande trivella che servirà a completare il tunnel della Tav, ma solo una torre di raffreddamento per impianti industriali destinata alla Francia, e hanno tolto l’assedio. Nel frattempo, però, uno degli incappucciati aveva bucato un pneumatico colpendolo più volte con un oggetto tagliente e quindi il Tir non ha potuto riprendere la marcia prima di una sosta in officina. Quindici minuti di paura per l’autista che - appena gli attivisti, realizzato l’errore, hanno lasciato libero il passaggio - ha chiamato i soccorsi. «Ero letteralmente terrorizzato - ha raccontato poi agli agenti della polizia stradale intervenuti - quando ho visto che mi hanno tagliato la gomma ho quasi avuto un attacco di panico, ho iniziato a pensare alla mia famiglia, a mia moglie, ai miei figli e a cosa avrei dovuto fare per uscire da quella situazione».

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    12:12 Giovedì 08 Agosto 2013 Dariorosso Basta con questi criminali.

    Basta NOtav, basta con blocchi stradali e terrorismo.Questi signori hanno reso invivibile la valle.Fuori i NOtav dalla valle di Susa!

  2. avatar-4
    01:30 Martedì 06 Agosto 2013 SteRoGAnge La Talpa e il Topolino di campagna

    Premetto di non avere mai visto da vicino il cantiere di Chiomonte e quindi di essere all'oscuro, come la maggior parte delle persone che scrivono su questo argomento, di che cosa stia in esso realmente accadendo. In base alle poche fotografie e alle descrizioni pubblicate dai mezzi d'informazione che praticano in genere il "copia e incolla", non mi sembra che nel suddetto cantiere sia già presente la testa rotante della fresa. Chiedo, a chi è più esperto di me, se si riesca a trasportare con un paio di convogli una macchina che, per piccola che sia, dovrebbe avere una lunghezza di un centinaio di metri e un peso non inferiore al migliaio di tonnellate. A meno che non si tratti di una talpa ma di un piccolo topo di campagna.

  3. avatar-4
    00:12 Martedì 06 Agosto 2013 silvioviale BEN SCAVATO VECCHIA TALPA !!!

    E' proprio il caso di dirlo.

Inserisci un commento