AUTODISTRUZIONE

Centrodestra, fallisce il tavolo romano

Il vertice si arena di fronte all'irrigidimento di Fratelli d'Italia: "Noi abbiamo fatto un passo indietro, non altrettanto Forza Italia". Napoli fa le bizze e propone se stesso. Ncd assente. Berlusconi uccel di bosco, in forse la manifestazione di lunedì

È finito male il tavolo nazionale del centrodestro apparecchiato oggi nel quartier generale di Forza Italia a San Lorenzo in Lucina. Anzi, per dirla con le parole di uno dei partecipanti, è “andato in vacca”, registrando la sostanziale rigidità delle posizioni in campo. Gli esponenti di Fratelli d’ItaliaIgnazio La Russa, Agostino Ghiglia e Guido Crosetto - dopo aver rivendicato il merito di “aver fatto un passo indietro, rinunciando alle primarie, per senso di responsabilità, proprio per favorire una ricomposizione della coalizione”, hanno accusato Forza Italia di non essere stata conseguente, proseguendo come se nulla fosse nell’intenzione di imporre la candidatura di Gilberto Pichetto alla presidenza della Regione. “A favore dell’unità del centrodestra avevamo anche fatto il sacrificio più grande: Crosetto aveva addirittura espresso la propria disponibilità a fare un passo indietro, purché si trovasse un metodo condiviso e oggettivo per trovare il candidato migliore da contrapporre a Chiamparino - spiega Ghiglia -. Abbiamo dovuto prendere atto della posizione di totale chiusura da parte di Forza Italia che ha unicamente continuato a riproporre il proprio esponente, non basandosi su dati oggettivi ma esclusivamente sulla pretesa che il candidato presidente fosse espressione del partito più grande”.

 

Un “prendere o lasciare” che FdI ha definito  “inaccettabile” portandoli a fare quadrato attorno ai Crosetto. Di certo non hanno contribuito a stemperare il clima le bizzose esternazioni del vice coordinatore Osvaldo Napoli che tra sbraiti e colorite intemperanze ha preteso che venisse “testato” anche il suo nome: un atteggiamento ormai chiaramente volto a delegittimare l’azione di Pichetto coltivando la neppure troppo celata ambiziosa di prenderne il posto. Insomma, tempesta in arrivo anche nella famigliastra berlusconiana, anche se neppure queste scene da saloon paiono aver turbato più di tanto il vicepresidente che, interpellato dallo Spiffero, pur ammettendo la “situazione di stallo” si augura che alla fine prevalga il buon senso e che nelle prossime ore possa tornare il sereno tra i due partiti. La Lega Nord, rappresentata da Roberto Cota nella veste di segretario “nazionale”, ha accampato il diritto di esprimere a sua volta un proprio candidato qualora non si riuscisse a convergere su una proposta unitaria. L’assenza di Ncd, formalmente dovuta per un disguido – il presidente degli alfaniani Renato Schifani, avvertito in ritardo, era impegnato in un incontro in Confindustria -, marca ormai un solco difficilmente colmabile. Una baraonda.

 

Silvio Berlusconi che, secondo i programmi, avrebbe dovuto sancire la propria decisione al termine della riunione, si è ben guardato dal mettere il naso fuori dalla sua stanza. In serata verrà ragguagliato da Altero Matteoli e solo domattina, a quanto si apprende, emetterà il suo verdetto. Intanto, nella babele si scatenano le voci sul possibile annullamento della manifestazione di lunedì, in verità “ancora da confermare”. Si attendono ore, se possibile, ancor più concitate con telefoni roventi e incontri vis-a-vis, come quello avvenuto già al termine del tavolo tra Matteoli e La Russa.

print_icon

11 Commenti

  1. avatar-4
    10:07 Venerdì 04 Aprile 2014 ale87 @ Bandito Libero

    Il 2% secondo i risultati delle politiche di un anno fa e secondo gli ultimi sondaggi. Cmq anch'io di berlusconiani in giro delusi ne sento molti, ma nessuno mi dice che voterà FdI. D'altronde un partito dove gli esponenti sono La Russa (caso Ligresti) o Alemanno (caso Parentopoli) e alle europee candiderà Fabrizio Bracconieri (famoso per aver recitato nei “Ragazzi della 3C”), come dargli torto.

  2. avatar-4
    09:26 Venerdì 04 Aprile 2014 Quartultimo L'importanza di sognare

    Nelle scorse elezioni il valore aggiunto che ha consentito ad un esponente della periferia piemontese (detto non in senso spregiativo ma in antistrofe alla centrale Torino) di avere una marcia in più della sfidante è stata la capacità di far sognare gli elettori dando ad intendere che una svolta ci sarebbe stata al di là di quanto dichiarato negli striminziti programmi di tutti i candidati Presidenti. Questa capacità di far sognare nuovi scenari ce la stiamo facendo scippare dal Sindaco di Bucopoli mentre offriamo solo la promessa di una politica politicante fatta di spartizione di incarichi e nessuna attenzione per gli elettori. Che pena.

  3. avatar-4
    09:12 Venerdì 04 Aprile 2014 Bandito Libero @ Ale87, barisoni, katerpillar e TWIG

    Partitino del 2%? lo decidono gli elettori quanto vale FdI, non tu! Fidati, non passerà molto tempo che la stessa Forza Italia di questo passo, con o senza Berlusconi, capirà cosa significa essere un "partitino del 2-3%" e sarà essa stessa vittima del vergognoso Italicum che sta costruendo inciuciando con Renzi. Perché vedi, la gente non è stupida, lo sa bene che Berlusconi sta inciuciando con Renzi, lo venera, lo esalta, ed allora la gente si chiede "ma qual è il traditore tra Alfano e Berlusconi? Qual è, in fondo, la differenza tra i due?" - Barisoni, Napoli va bene, ma paragonare Pichetto a Buttiglione è indecente ed ingeneroso! E ricordiamoci poi che alla fine Buttiglione ha preso più voti di Coppola.. - TWIG e Katerpillar, in verità, da punti di vista diversi, avete in parte ragione entrambi.

  4. avatar-4
    08:31 Venerdì 04 Aprile 2014 folgore46 TWIG...ti rendi conto?

    Dovremmo prenderci come presidente un culo di pietra delle poltrone pubbliche, che solo dopo aver piatito a lungo miseria ha ottenuto un contentino da Berlusconi? Se conta l'anzianità di servizio, perchè non pensare a personaggi come Salza o Zanone?! La realtà è che con tanti litigi e primedonne a destra, Chiamparino ha la vittoria in tasca (sta già girando ampiamente il Piemonte a far propaganda, mica a litigare).

  5. avatar-4
    07:49 Venerdì 04 Aprile 2014 ale87 Più esponenti che voti

    Un partitino dal 2% erano ben in 3 a rappresentarlo, questo la dice tutta su quanto sperano nella presidenza cosi da eleggere almeno un loro esponente (infatti hanno fatto barricate sul nome di Picchetto o Napoli).

  6. avatar-4
    00:44 Venerdì 04 Aprile 2014 barisoni Mi piace

    Bella questa proposta la condivido. Sarebbe durissima ma almeno con onore. Il centrodestra in Piemonte vince sempre se il candidato e' presentabile e non un Buttiglione o un Pichetto. Deve essere una persona di Torino o Provincia e Napoli è un grande.

  7. avatar-4
    23:20 Giovedì 03 Aprile 2014 Katerpillar Ora è ufficiale

    ... TWIG è un infiltrato della sinistra nelle file del centrodestra piemontese. Non si spiegherebbe altrimenti la sequela di idiozie che ha messo giù nel suo commento precedente.Ma i piemontesi non ci cascano più: è il momento di mandare tutti a casa, come abbiamo cominciato a fare in valsangone noi del Movimento Cinque Stelle solo un anno fa alle politiche. Con buona pace dello sbraitante Macario e del suo codazzo fatto di famigli e lacchè vari

  8. avatar-4
    22:26 Giovedì 03 Aprile 2014 TWIG BEL DUELLO

    Osvaldo Napoli sarebbe l'unico candidato che possiede caratteristiche superiori a Chiamparino , sia per esperienza amministrativa ( 15 anni sindaco ) ,politica (4 legislature ) , gestionale ( passato democristiano ) e penso che nessuno dei partiti del centrodestra potrebbe opporsi se non accampare la carta di identità ormai datata. Inoltre, in Torino e Provincia , Napoli prenderebbe sicuramente piu' voti di tutti i potenziali candidati del centrodestra attualmente in campo.pertanto, penso Napoli sia l'unica chance da giocarsi per continuare , per alcuni attuali politici regionali , ad esistere e pensare di vincere con conferma dei migliori Assessori attuali ( Pichetto, Coppola, Sacchetto, Porchietto, Ghiglia,Ravello, Vignale ,Molinari ) e l'innesto di Crosetto ai trasporti e Ghigo alla sanita' formando una bella squadra . L'alternativa : degli attuali consiglieri /assessori tra indagati e riduzioni fisiologiche in caso di sconfitta correndo da soli non rimarrebbe neanche il 10%.. RIFLETTETE

  9. avatar-4
    22:20 Giovedì 03 Aprile 2014 berlisconiano NAPOLI PER UNA FINE DA OPERETTA

    evvai con il vecchietto abbronzato è quello che ci meritiamo noi coglioni di centrodestra... per non averli presi a calci in culo negli anni passati

  10. avatar-4
    21:56 Giovedì 03 Aprile 2014 Bandito Libero Non ci credo

    Non ci credo che Berlusconi verrà lunedì in Piemonte: siamo sempre stati l'ultima provincia dell'impero, e veramente intende qua fare il suo (forse) ultimo comizio pubblico? Stento a crederlo. Mi piacerebbe, in verità, mi piacerebbe moltissimo, ripagherebbe la nostra terra di anni di trascuratezza con un colpo di teatro finale, ma non ci credo tanto.

  11. avatar-4
    21:16 Giovedì 03 Aprile 2014 marceba si si dai

    Osvaldo Napoli!

Inserisci un commento