DECADENCE

Fitto al cuore di Forza Italia

Anche la nomenclatura piemontese si allinea al tiro incrociato ordinato da Palazzo Grazioli contro il ribelle pugliese. Pichetto: “Nessun partito nel partito, unico leader è Berlusconi”. Rizzotti: “Basta con il protagonismo distruttivo”. Rizzotti chi?

Palazzo Grazioli scatena la santabarbara contro il ribelle Raffaele Fitto e anche dal Piemonte parte qualche bengala all’indirizzo dell’ex governatore pugliese, accusato di voler sfasciare Forza Italia per mero protagonismo individuale. Peggio, secondo il solitamente prudente Gilberto Pichetto, dopo le dichiarazioni di ieri con le quali annuncia il voto contrario alla riforma costituzionale del suo gruppo, Fitto è colpevole di “frazionismo”: «Ho sempre sostenuto il confronto interno – spiega il coordinatore regionale dei berluscones  - è un segno di democrazia e maturità a patto che non degeneri in polemica sempre e comunque, per questo non è accettabile tollerare chi vuole creare un partito dentro al partito oppure agisca per distruggerlo». Il numero uno degli azzurri nostrani risponde così alla chiama alle armi imposta, come ai suoi colleghi delle altre regioni, dalla corte di Arcore, parecchio infastidita dal crescendo dei toni dell’europarlamentare pugliese. «È il momento di mettere da parte polemiche e attacchi sterili – conclude Pichetto - per fare spazio al ritorno in campo del presidente Berlusconi intorno al quale, non solo Forza Italia, ma tutto il centrodestra deve ricompattarsi per spiegare alla gente perché siamo alternativi alle bugie, agli annunci e al doppiogioco della sinistra».

 

Pichetto non è l’unico esponente piemontese a imbracciare l’artiglieria, anche la senatrice Maria Rizzotti ha sparato la sua cartucciera: Giocare a fare il primo della classe, provando così a perseguire solo meri interessi personali non è corretto – ha scritto in una nota la parlamentare torinese, di cui francamente si fatica a rintracciare in questi sei anni di attività politica (?) e parlamentare una qualche informazione degna di nota, se non quella di essere stata la fornitrice di botulino del Cavaliere -. In Forza Italia si sta se si lavora per l’affermazione del movimento, il cui leader è Silvio Berlusconi. Anche oggi, anticipando come voterà sulle riforme senza attendere le decisioni del partito, Fitto continua a sbagliare. Le sue provocazioni, finalizzate a danneggiare l’immagine politica di Forza Italia, disgregandola, vanno respinte. Mai come adesso è necessario – aggiunge la senatrice – privilegiare e lavorare per l’unità del partito e del centrodestra, stringendosi attorno alla leadership del presidente Berlusconi per tornare a vincere in questo Paese, i cui dati economici sono catastrofici». E facendosi interprete dell’opinione diffusa nel partito conclude: «È questo il sentimento diffuso sui territori dove la nostra gente è sempre più disgustata dal protagonismo distruttivo dell’esponente pugliese. Ovviamente sarà Berlusconi, anche sulle riforme e sulla legge elettorale, a darci la linea e a decidere come voteremo». Ovviamente.

 

La replica alla pasionaria azzurra arriva dal suo collega Vincenzo D’Anna, vicepresidente del gruppo Gal, ma eletto in Campania nelle file del Pdl-Fi: «Obbedendo alla logica di alimentare il fuoco di fila contro Fitto e le chiari ed intellegibili esigenze che egli finora ha rappresentato all’interno di FI, scende in campo finanche la mite senatrice Rizzotti la quale, uscendo dai ranghi della schiera di parlamentari cresciuti nel culto mistico del presidente Berlusconi, mostra la faccia feroce mistificando la democrazia decisionale (e la libertà di espressione del pensiero) e addebitando a Raffaele Fitto, per pura smania di protagonismo, scopi del tutto estranei alla realtà dei fatti». Feroce la conclusione: «È chiaro lo scopo di volersi ingraziare colui che dovrà garantire alla Rizzotti, senza voti e senza consensi, uno scranno parlamentare».

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    23:43 Giovedì 26 Marzo 2015 moschettiere Mi stupisce

    Strano davvero che il Piazzista non abbia trovato una soluzione valida, pare sia un grande esperto navigato nella gestione delle prostitute...

  2. avatar-4
    10:04 Giovedì 26 Febbraio 2015 speranza Forza Italia

    Tutti ci aspettiamo che lItalia si faccia forza e possa superare questa crisi profonda.Ma voi rappresentanti del partito di Forza Italia non lasciate che litigi e divisioni abbiano il soppravvento sul lavoro che si può ancora fare per aiutare veramente lItalia Non permettete che lItalia viggi su un solo binario morto

  3. avatar-4
    13:00 Sabato 14 Febbraio 2015 PassatorCortese A dirla tutta...

    Si tratta di un'imbarazzante dimostrazione di debolezza. Capiamo la Rizzotti, viste le qualità politiche che emergono anche dalle parole dei colleghi, ma il buon Pichetto è mal consigliato? Non si spiegherebbe, altrimenti...

Inserisci un commento